Boom di tesseramenti al gazebo della Lega Nord di Oggiono

"Un'affluenza superiore alle nostre aspettative", il commento del segretario Pasquini

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

La sezione Lega Nord "Gianfranco Miglio" di Oggiono si rallegra per l'ottimo risultato nell'avvio della campagna tesseramento 2016 avviata col gazebo tenutosi domenica 31 gennaio in piazza Manzoni.

"Un'affluenza superiore alle nostre aspettative quella registratasi stamane alla nostra postazione - ha commentato Giovanni Pasquini, segretario cittadino del Carroccio - Ben 20 nuovi tesserati in una sola mattina, tutti vicini alle istanze del Movimento, con particolare riguardo all'opposizione al ddl Cirinnà sulle unioni civili. La gente di Brianza non ne vuole proprio sentire parlare perchè se è vero che ognuno in casa propria è libero di fare ciò che crede, non può certamente far ricadere il peso di tale scelta sull'intera società e per giunta sui bambini, che hanno il sacrosanto diritto a un padre e a una madre, senza se e senza ma".

Al gazebo si è parlato anche di referendum per l'autonomia della Lombardia, "altro tema caldo fra i cittadini - prosegue Pasquini - Molti hanno esternato rabbia per la continua rapina fiscale di Roma e si sono detti indignati del fatto che ogni anno 54 miliardi di tasse dei lombardi vadano verso sud senza più tornare sul nostro territorio. Il referendum sarà una battaglia storica: siamo pronti a condurla casa per casa".

I militanti oggionesi hanno provveduto anche ad inaugurare la nuova bacheca posizionata in viale Vittorica vicino al distributore dell'acqua e per il quale va un ringraziamento speciale a Giuseppe Brivio, responsabile organizzativo di sezione, assieme ad Alberico Viganò e a Paolo Zardoni per la messa in posa.

Il prossimo appuntamento sarà nel mese di febbraio a Suello e quindi a marzo ad Azznone, per battere palmo a palmo il territorio e incontrare i cittadini.

Torna su
LeccoToday è in caricamento