rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Politica

Prima Galbiate: "Il sindaco ci accusava di non essere lista civica, ma strizza l'occhio a Italia Viva"

Il consigliere di minoranza Martina Gilardi: "Viene il dubbio che la regia dell'amministrazione si trovi a Valmadrera. Non lasceremo che vengano svenduti i gioielli del nostro paese"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Lo show di infima qualità andato in onda in occasione del Consiglio comunale di insediamento a Galbiate, purtroppo, ha messo in luce di che pasta è fatto il vertice dell'Amministrazione del paese, se mai avessimo ancora dubbi in merito. Dopo aver strombazzato ai quattro venti, in piena campagna elettorale, che la nostra lista "Prima Galbiate" non sarebbe stata, a suo avviso, autenticamente "civica", facendosi paladino dell'autonomia e dell'indipendenza assoluta dai partiti, il signor sindaco è apparso fra i militanti provinciali di punta di Italia viva, il partito guidato a livello nazionale da Matteo Renzi, nato per scissione dal Partito democratico nel campo centrosinistra.

Certamente, il borgomastro galbiatese, eletto con la minoranza assoluta dei voti, avrebbe potuto per lo meno astenersi dal raccontare le favole della buona notte, riconoscendo la sua passione per l'area cattocomunista locale. A noi non era sfuggito il suo sostegno al candidato sindaco di Lecco di area PD Mauro Gattinoni, seduto sul palco del capoluogo in mezzo alle bandiere di centrosinistra, ma per decenza, forse, avrebbe fatto meglio a tenersi la lingua stretta in mezzo ai denti parlando dei propri avversari.

Elezioni comunali: il dado è tratto. Tutti i sindaci eletti

Caro signor sindaco, a questo punto, ci permetta di dubitare anche del fatto che la cabina di regia della sua amministrazione non si trovi nel nostro paese bensì a Valmadrera, là dove l'ex-senatore Rusconi, fra i primi ad aderire convintamente a Italia viva, elabora strategie per mettere le proprie bandierine su territori attigui in modo tale da poter svolgere un controllo capillare della politica locale. Parlare di show finito, caro Montanelli, non credo la porterà molto lontano, dal momento che lo show l'ha fatto ancora una volta per il suo pubblico acclamante. Lo show, può starne certo, lo farà il nostro gruppo quando lei cercherà di svendere i gioielli del nostro paese come, ad esempio, la Rsa di Villa Serena e molto altro ancora. Non lasceremo che i servizi pubblici vengan svenduti per l'interesse di qualcuno. Pronti a fare le barricate per tutelare autenticamente gli interessi veri e sinceri dei nostri cittadini. E se il buondì si vede dal mattino, qui a Galbiate è notte fonda!

Martina Gilardi, gruppo consigliare "Prima Galbiate"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima Galbiate: "Il sindaco ci accusava di non essere lista civica, ma strizza l'occhio a Italia Viva"

LeccoToday è in caricamento