Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

Profughi al Bione, Nogara (LN): "Ora basta!"

Il segretario provinciale del carroccio: "Ci avevano detto che era una situazione temporanea"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Ora Basta! Lecco ha dato ora basta! Ci hanno detto che era un'emergenza, che il Bione era una soluzione provvisoria, che questo centro sarebbe stato chiuso nel più breve tempo possibile, e queste garanzie per tenerci buoni sono arrivate sia dal sindaco Brivio che dal Prefetto. Ci hanno detto che le donne molestate forse avevano capito male o forse non era molestia perché non sono state toccate fisicamente, ci hanno inoltre detto che le denunce per molestie subite al Bione formalizzate sono comunque poche, che le cooperative avevano il compito di educare queste persone, e noi paghiamo anche per la loro educazione, che sono tutti bravi ragazzi che scappano dalla guerra, che i telefonini e le ricariche che gli paghiamo noi servono per mantenerli in contatto con i loro paesi d'origine, che i pasti che gli paghiamo noi devono essere di prima scelta altrimenti potrebbero non gradirli e verrebbero gettati nei sacchi di pattume indifferenziato accumulati all'esterno del centro del Bione. Ebbene ci hanno raccontato favole e menzogne sino ad oggi, o meglio le hanno raccontate alla gente, mentre la Lega Nord ha sempre continuato a denunciare e a lottare contro questa situazione. Le intenzioni vere sono diverse, non c'è nessuna intenzione di mandare via i clandestini, perché questo sono, dal Bione, come non c'è nessuna intenzione di sgomberare l'area vicina occupata dal "campo nomadi", sempre più esteso e popolato. L'amministrazione Brivio solo per questa situazione è diventata la vergogna di Lecco e dell'intera provincia! Ma come fa un sindaco ad accettare una situazione del genere? Ma non pensa all'immagine di Lecco e dei Lecchesi? Ma come fa ad accettare che dei clandestini ricevano vitto e alloggio gratis mentre dei lecchesi vivono sotto la soglia di povertà? Qui non parliamo più di emergenza, ma di incapacità gestionale tanto del governo Renzi/Alfano per l'attuazione di un'aberrante politica immigratoria, quanto del comune di Lecco per la situazione creatasi al Bione, e non solo, trasformato da una rilassante e incantevole pista ciclo pedonale, al bronx di Lecco, pensando di nascondere il problema posizionando una rete sul perimetro del centro nascondendo l'occhio del "Grande Fratello" , ma è come nascondere la polvere sotto il tappeto: non la vedi ma c'è, e lì il problema si vuole far finta non ci sia, e si cerca pure di nasconderlo, ma c'è, ed è ben evidente!!! Solo Brivio e i suoi non lo vedono, o meglio, evidentemente a loro va bene così. La Lega Nord lo ribadisce con forza: il Bione venga liberato da clandestini e campo nomadi e venga restituito ai Lecchesi e ai turisti!!! E le sanzioni elevate ai clandestini nel blitz di ieri, che loro ovviamente non pagheranno mai, vengano quantomeno fatte pagare dalle cooperative che vengono pagate profumatamente anche per civilizzare queste "risorse". Intanto il business immigrazione nella nostra provincia ad oggi ammonta a oltre 13,5 milioni di euro all'anno....e i Lecchesi pagano! ...poi ci dicono che non ci sono soldi per tappare le buche e asfaltare le strade, per l'edilizia scolastica e per il riscaldamento, per il taglio dell'erba, per la rimozione della neve, per le politiche sociali a favore della nostra gente....

Il Segretario Provinciale di Lecco 
Lega Nord-Lega Lombarda
Flavio Nogara

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi al Bione, Nogara (LN): "Ora basta!"

LeccoToday è in caricamento