Politica

Tasi, Arrigoni (LN): " Per i contribuenti non c'è nessuna pietà"

E' stato respinto l'emendamento della Lega Nord che chiedeva tolleranza in caso di omissione o mancato pagamento della prima rata tasi

Respinto l'emendamento di Lega Nord e Arrigoni che chiedeva tolleranza veros il mancato pagamento della prima rata Tasi

E' la Tasi che da settimane ormai tiene banco tra cittadini e politici e, ancora una volta, sul tema tasi, torna a parlare Paolo Arrigoni:“Non solo devono pagare la nuova tassa sulla casa e pure salata, in più saranno anche puniti senza pietà in caso di errori o ritardi. Insomma cornuti, mazziati e pure sanzionati: ecco la fine che aspetta i contribuenti alle prese con la Tasi e le sue sorellastre Imu e Tares”.

L’impietosa analisi viene dal senatore ed evidenzia anche come “il coverno avrebbe potuto comportarsi altrimenti. Come? Semplicemente accogliendo il subemendamento della Lega Nord, a mia prima firma, presentato il 4 giugno, proprio il giorno successivo alla presentazione - da parte dell'Esecutivo all’interno del decreto IRPEF (bonus 80 euro) - dell'emendamento assolutamente tardivo teso a prorogare i termini di pagamento della prima rata (16 ottobre) e ad imporre altre incombenze ai comuni”. E proprio le municipalità, in autonomia e alla spicciolata, stanno rivedendo il termine di scadenza della prima rata, con ulteriore incremento della confusione sulla Tasi per i cittadini".

“Chiedevamo-continua Arrigoni- di non punire i contribuenti in caso di errori o ritardi legati al versamento della prima rata, errori peraltro facili da commettere, di certo involontari non per responsabilità dei cittadini, costretti a confrontarsi con il marasma generale dovuto a errori e superficialità varie da parte del Governo. Un margine di tolleranza previsto a condizione che gli stessi poveri cittadini provvedessero a regolarizzare la propria posizione in occasione del pagamento della seconda rata".

L’emendamento respinto (dalla maggioranza e dal viceministro Enrico Morando) chiedeva di "non  applicare sanzioni ed interessi nel caso di omesso o insufficiente versamento della prima rata della TASI dovuta per l'anno 2014 e qualora il relativo importo venga comunque versato entro il 16 dicembre che resta confermato come il termine per il pagamento della seconda rata" spiega infine il senatore Arrigoni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tasi, Arrigoni (LN): " Per i contribuenti non c'è nessuna pietà"

LeccoToday è in caricamento