Caos Trenord, i Giovani Democratici: «Dalla Regione nessuna risposta»

Presidio in numerose stazioni lombarde con volantinaggio contro la gestione del trasporto pubblico ferroviario in Lombardia da parte dell'azienda e del Pirellone

La situazione dei treni diventa ogni giorno più critica. Dopo i disagi dell'ultimo periodo anche i Giovani Democratici sono scesi in piazza, anzi nelle stazioni, per sensibilizzare l'opinione pubblica.

Nella mattinata di oggi, fin dall'alba, tantissimi Giovani Democratici hanno presidiato numerose stazioni lombarde con un volantinaggio contro la gestione del trasporto pubblico ferroviario in Lombardia da parte di Trenord e della Regione. In seguito i giovani dem lombardi si sono spostati a Milano, dove hanno manifestato sotto al Pirellone, portando in "regalo" a Trenord e alla Regione alcuni "pacchi" di efficienza, puntualità, pulizia e manutenzione.

Treno soppresso, Trenord si scusa con i bambini 

«Il piano invernale presentato da Trenord prevede tagli e sostituzioni di corse con bus. Da anni, nella Regione Lombardia governata dalla destra, gli investimenti sul trasporto ferroviari sono azzerati - commenta Lorenzo Pacini, segretario regionale dei GD Lombardia - Trenord sta andando verso il collasso, ogni giorno treni in ritardo e cancellati. Da parte della Regione nessuna risposta politica, nessuna strategia per migliorare il servizio. La Lega fa finta di non vedere il disastro quotidiano che rende impossibile la vita di migliaia di pendolari lombardi. Basta con la vergogna di Trenord, basta con la Lega in Lombardia!»

Guasto a un passaggio a livello, treni rallentati

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Lecco usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

  • Controlli anticovid nel Lecchese: due esercizi lecchesi vengono chiusi, nove i cittadini sanzionati

Torna su
LeccoToday è in caricamento