Valmadrera, Rusconi apre le porte ai quattordici cittadini: «Ancora necessario il rapporto personale»

Il sindaco: «A tante persone serve la "porta aperta" della propria comunità»

Il sindaco Antonio Rusconi, in primo piano, e il capogruppo di Progetto Valmadrera Cesare Colombo

Secondo giovedì di "porte aperte" per il Comune di Valmadrera: come da iniziativa inaugurata con il suo terzo mandato da Sindaco, Antonio Rusconi ha ricevuto, senza previo appuntamento, i cittadini all'interno del palazzo di via Roma: «Ho incontrato ben quattordici persone, che mi hanno parlato dai problemi sociali da sottoporre all’assessorato, alle normative sugli esercizi pubblici, ai rapporti tra aziende e cittadini, ai problemi lavorativi in un'azienda , ecc...».

Valmadrera. Comitato per il sintetico, Alberto De Pellegrin nuovo presidente

L'idea di Rusconi è che ci sia «anzitutto il bisogno di tante persone di trovare la “porta aperta” della propria comunità, che i social sono importanti, ma tante persone soprattutto anziane hanno bisogno per fortuna ancora del rapporto diretto, personale. Voglio continuare questa esperienza, magari più avanti, portandola in orario serale per favorire i lavoratori».

Potrebbe interessarti

  • Dormire bene e svegliarsi di buon umore: ecco alcuni consigli

  • WhatsApp: ecco come nascondere lo Stato solo ad alcuni contatti

  • Piscine interrate: costi e tempi di realizzazione

  • Saldi 2019, diamo il via allo shopping intelligente: ecco cosa comprare

I più letti della settimana

  • Statale 36: ribaltamento nella galleria San Martino, lunghe code in uscita da Lecco

  • Vendeva vestiti contraffatti provenienti dalla Cina: sequestrate casa e auto a una lecchese

  • Trovato senza sensi sulla statale Regina: grave ciclista lecchese

  • Vandali sulla ciclopedonale. Il sindaco: «Tolgo la residenza a loro e ai genitori»

  • Nameless, ufficializzato il cambio di location: il festival si trasferisce ad Annone Brianza

  • L'Adda restituisce il corpo del 19enne gettatosi dal ponte di Colorina

Torna su
LeccoToday è in caricamento