Politica

Sì della Camera allo Ius soli temperato, Tentori (Pd): "Non possiamo più restare indietro sui diritti"

La deputata lecchese soddisfatta del voto di martedì alla Camera: "Stiamo parlando di italiani a tutti gli effetti, tranne che per la legge"

«Finalmente si afferma che chi nasce e cresce in Italia è italiano: sono orgogliosa di poter partecipare ad un passaggio così importante per una legge tanto attesa, oltre che per un principio che da sempre fa parte della storia del mio partito». È questo il commento di Veronica Tentori, deputata lecchese del Pd, a seguito del voto di ieri 13 ottobre che ha visto Montecitorio dare il primo sì alla nuova legge sulla cittadinanza.

A votare a favore sono stati i parlamentari della maggioranza e quelli di Sel, con alcuni voti dal centrodestra dati a titolo personale, mentre Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia hanno votato contro. Astensione, invece, dal Movimento 5 stelle.

Il provvedimento, che ora passa in Senato, introduce lo Ius soli temperato al posto dello Ius saniguinis: «Crediamo fermamente in un'Europa dei diritti e non possiamo più restare indietro - prosegue Tentori - Stiamo parlando di tutti quegli italiani di fatto e stranieri per legge, bambini nati in Italia che frequentano le nostre scuole, parlano italiano, amano il nostro Paese e tifano le nostre squadre, o sono figli di coloro che hanno deciso di vivere, crescere, lavorare e costruirsi un futuro nel nostro Paese».

«Stiamo parlando di italiani a tutti gli effetti, tranne che formalmente, a cui finalmente viene data una risposta - aggiunge, ancora, la parlamentare - La legge introduce lo Ius soli temperato per i bambini nati nel nostro Paese da genitori ormai radicati in Italia, ossia in possesso del diritto di soggiorno permanente, e lo Ius culturae per coloro che sono arrivati in Italia sotto i 12 anni e hanno frequentato almeno per cinque anni la scuola italiana. Ora la norma passa al Senato».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sì della Camera allo Ius soli temperato, Tentori (Pd): "Non possiamo più restare indietro sui diritti"

LeccoToday è in caricamento