Politica Valmadrera / Via G. Parini

Valmadrera, Rusconi alla Lega: “Il sacco rosso funziona. E non possiamo sistemare il tetto di un privato”

Il primo cittadino ha dato risposta a un'interrogazione della Lega

Nel corso degli ultimi giorni la Lega si è mossa per porre l'accento sulla situazione verificatasi in via Parini a Valmadrera. Lì, infatti, sono cadute delle tegole dal tetto di un'abitazione privata, di conseguenza il sindaco Antoni Rusconi ha ritenuto necessario dare risposta in merito ad "alcune affermazioni apparse sui social su un tetto pericolante nella stessa via, per il quale vi era stata una segnalazione da parte di un consigliere comunale che avrebbe potuto o dovuto nel suo ruolo rivolgersi direttamente ai responsabili degli uffici o al Sindaco. La mattina seguente la segnalazione il Comando dei Vigili si è recato sul posto e ha trasmesso il verbale all'Ufficio urbanistica che ha rintracciato il proprietario, che, però, ha un amministratore di sostegno, cioè un legale, che ha mandato anche una relazione in proposito. Tutto questo nel giro di un giorno. Lo dico per rispetto dell'impegno e della serietà dei responsabili di servizio che firmano. Il Comune non può riparare i tetti dei privati a spese sue. Questo è quanto prevede la legge. Sono stati chiamati non dall'Amministrazione Comunale i Vigili del Fuoco che hanno tolto le tegole pericolose, che poi sono state rimosse dalla strada dal Comune. Un particolare: il Comune deve applicare le norme, non sostituirsi ai privati proprietari nella sistemazione di zone pericolose o lo può fare solo dopo il rifiuto del privato con addebito dei costi. Il rischio è altrimenti che ci sarebbero numerose autosegnalazione con il Comune o i Vigili del Fuoco che si sostituiscono alle responsabilità dei proprietari".

E sui rifiuti...

Non solo. Rusconi ha detto la sua anche in merito alla raccolta dei sacchi rfiuti non conformi: “I primi dati che arrivano da Silea Spa (si vedano le schede allegate), in merito ai primi mesi di utilizzo del "sacco rosso" evidenziano un reale aumento della differenziazione dei rifiuti; penso che questo sia giusto dirlo in questo Consiglio comunale, perchè certifica che il 95% dei cittadini valmadreresi si comporta in modo serio e responsabile. In secondo luogo va sottolineato che si deve partire dalle procedure perchè un'Amministrazione deve sempre muoversi rispettando le regole a tutela delle persone. Le procedure prevedono che il giorno di raccolta i sacchi difformi vengano contrassegnati dagli addetti alla raccolta, dando quindi tempo ai cittadini per rimediare. Se i sacchi restano in strada, la Polizia Locale interviene affiancando l'operatore nell'apertura dei sacchi al fine di identificare - se possibile, il proprietario e procedere con la relativa sanzione. Purtroppo la percentuale dei proprietari identificati è bassa, ma nei giorni scorsi sono stati riconosciuti 18 casi e date le relative sanzioni (Via San Dionigi, Viale Promessi Sposi, Via IV novembre, Via San Rocco). Ulteriore opportunità per i controlli sono le trappole, che possono essere messe su segnalazione e disponibilità dei privati.
Infine, con riferimento a Via Parini, l'assessore Anghileri è andato porta a porta a spiegare la nuova gestione della raccolta e questo è stato molto utile perchè molti cittadini hanno capito come devono gestire i rifiuti. La situazione continuerà ad essere monitorata anche nei prossimi giorni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valmadrera, Rusconi alla Lega: “Il sacco rosso funziona. E non possiamo sistemare il tetto di un privato”

LeccoToday è in caricamento