registro dei testamenti biologici a lecco - un servizio negato

Proposte di legge regionali di iniziativa popolare Una firma per affermare un diritto sancito ma negato, una firma per il diritto alla cura e a una migliore qualità della vita per ammalati cronici e terminali.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Cari cittadini di Lecco,

grazie all'iniziativa del Consigliere di Lecco Alberto Anghileri si cerca di rimettere in campo la richiesta di istituzione del Registro dei Testamenti Biologici a Lecco, un semplice servizio per attestare la libera volontà dei singoli cittadini interessati a rendere completo il diritto alla autodeterminazione in campo terapeutico, diritto quasi sempre negato in caso di incoscienza del paziente.

La nostra associazione, da tempo impegnata su questo fronte, è ben lieta di schierarsi con i Consiglieri e le altre associazioni disposte a supportare tale richiesta e parteciperà volentieri alla elaborazione del testo da proporre.

Ritiene che il testo presentato nel 2011 dalla nostra associazione, da Qui Lecco Libera e dall'Associazione Renzo e Lucio e sottoscritto da 1119 cittadini, possa costituire la base ideale da cui partire ed eventualmente aggiornare, tenendo conto delle novità proposte ed attuate in questi 5 anni e, principalmente, della proposta di legge di iniziativa popolare regionale per l'istituzione di un Registro regionale delle Disposizioni Anticipate di Trattamento con l'inclusione di queste nella Carta Sanitaria Regionale.

Richiesta, questa, che non esclude, anzi include il servizio che i Comuni e le Autorità sanitarie (medico di famiglia e ASL) potrebbero fornire a supporto per una scelta ponderata e consapevole oltre che informata.

Cogliamo l'occasione per richiedere una maggiore informazione su questa ultima iniziativa che ci vede operanti in prima persona affinché lo strumento testamento biologico possa essere nelle immediate disponibilità degli operatori sanitari grazie alla sua inclusione nella memoria della Carta Sanitaria Regionale e perché tale proposta sia sottoscritta anche dai cittadini della provincia di Lecco, in modo da porla all'attenzione del Consiglio Regionale per la sua approvazione.

Nei Comuni di Lecco, Calolziocorte, Merate, Valmadrera, Casatenovo e Mandello del Lario sono da tempo depositati i moduli sottoscrivibili da tutti i cittadini lombardi che hanno il diritto di voto e che sollecitiamo a sottoscrivere per permettere tale innovazione già adottata da altre regioni italiane.

Negli stessi Comuni sono depositati i moduli per un'altra proposta di legge regionale di iniziativa popolare che finalmente regolamenti la prescrizione dei farmaci a base di principi attivi cannabinoidi, nel rispetto del diritto alla cura, fornendo, agli aventi diritto, gli stessi a titolo gratuito.

Una firma per affermare un diritto sancito ma negato, una firma per il diritto alla cura e a una migliore qualità della vita per ammalati cronici e terminali.

Cellula Coscioni Lecco

www.cannabisterapeuticalombardia.it

www.testamentobiologicolombardia.it

cellulacoscionilecco@gmail.com

339 6903182 Sergio De Muro

Torna su
LeccoToday è in caricamento