Bambini con disturbi complessi: nuova residenza a La Nostra famiglia

Inaugurato a Bosisio Parini il Servizio residenziale terapeutico riabilitativo a media intensità: potrà accogliere fino a 40 minori fra i 6 e i 14 anni per programmi terapeutico/riabilitativi

La Nostra Famiglia inaugura il nuovo Servizio residenziale terapeutico riabilitativo a media intensità, rivolto a bambini e ragazzi con disturbi complessi nell'ambito del neuro-sviluppo e che necessitano di un programma individualizzato di presa in carico terapeutico/riabilitativa integrata e in regime di degenza. 
Si tratta di tre Unità con 12/14 posti letto ciascuna che potranno accogliere fino a 40 minori di età compresa tra i 6 e i 14 anni. All'inaugurazione erano presenti il vicario episcopale monsignor Maurizio Rolla, il sindaco di Bosisio Parini Giuseppe Borgonovo, il direttore del distretto di Lecco dell'Ats Brianza Enzo Turani.

Lecco: in aumento le donazioni di organi

«Regione Lombardia ha molto opportunamente completato con questa nuova unità di offerta residenziale i servizi riabilitativi dedicati ai bambini e ragazzi con disturbo del neurosviluppo - spiega il direttore sanitario Massimo Molteni - Lo scopo è offrire adeguate risposte socio-sanitarie a quelle situazioni in cui, oltre ai problemi legati alla disabilità, si associano importanti criticità nei comportamenti di adattamento ambientale e una significativa difficoltà dei contesti dove vive il bambino con la sua famiglia, con l'obiettivo di superare rapidamente lo stato di criticità e consentire il rientro in famiglia. Il team di operatori, diretto da Maria Nobile ha il compito di perseguire anche in questo servizio la mission della associazione, cioè agire sempre con competenza e spirito di collaborazione con i territori, anche e soprattutto in situazione difficili e di marginalità: una nuova sfida che testimonia il coraggio della associazione anche in tempi molto difficili come quelli attuali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Lombardia chiede la zona arancione dal 27 novembre

  • «Ho investito in sport e prevenzione, sbagliato il lockdown nei confronti di attività come la mia»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • L'amore trionfa sul virus: si sposa dopo essere stato intubato e aver sconfitto il Covid

  • Ruba un'ambulanza per tornare a casa dal Pronto soccorso

  • Coronavirus, i dati dell'Asst: sono oltre 340 i pazienti ricoverati tra Lecco e Merate

Torna su
LeccoToday è in caricamento