Salute Germanedo / Via Eremo, 9

All'ospedale di Lecco impiantato un defibrillatore extravascolare di ultima generazione

Morte cardiaca improvvisa: al Manzoni la prima procedura per l’impianto di un dispositivo unico nel suo genere che previene i rischi di infezione e occlusione dei vasi

All’ospedale Manzoni è stata effettuata la prima procedura per l’impianto di un dispositivo, unico nel suo genere, per prevenire i rischi di infezione e occlusione dei vasi. L’intervento è stato eseguito dal dottor Antonio Pani, responsabile della Struttura semplice di Elettrofisiologia e dai dottori Francesco Panzeri, Fabrizio Sansone e dal dottor Andrea Farina, primario della Cardiologia di Lecco.

"Al via dunque i primi impianti dell’innovativo defibrillatore extravascolare Aurora Ev-Icd - fa sapere Asst Lecco - Il nuovo dispositivo, sviluppato da Medtronic, segna un passo avanti nella tecnologia dei defibrillatori impiantabili. Si tratta di un dispositivo unico nel suo genere, in grado di prevenire la morte cardiaca improvvisa, la principale causa di decesso per gli under 60, responsabile del 50% delle morti imputabili a malattie cardiovascolari. Il 92% dei pazienti colpiti da arresto cardiaco muore entro pochi minuti se non viene salvato da un defibrillatore".

Come viene impiantato il dispositivo Aurora Ev-Icd

Il dispositivo viene impiantato con un approccio mininvasivo e il posizionamento dell’elettrocatetere completamente all'esterno del cuore e delle vene è progettato per evitare complicanze a lungo termine come le infezioni e l’occlusione dei vasi.

"La nostra Asst è fra le sei aziende socio sanitarie di Regione Lombardia che utilizzano un dispositivo così innovativo, un vero e proprio salvavita in pazienti a rischio di arresto cardiaco - spiega Marco Trivelli, direttore generale dell’Asst di Lecco - I miei più sentiti ringraziamenti ad Andrea Farina, Antonio Pani e i loro collaboratori che hanno scelto di adottare questo dispositivo per i nostri pazienti".

"Questo tipo di defibrillatore impiantabile - precisa quindi il dottor Andrea Farina - mantiene i vantaggi di quelli sottocutanei, cioè l'assenza di componenti all'interno dei vasi e del cuore e quindi del rischio di complicanze legate a fratture dei cateteri o infezioni del dispositivo, ma anche di quelli trans-venosi, cioè la possibilità di interrompere le aritmie in assenza di fastidio per il paziente tramite la stimolazione, oltre alle ridotte dimensioni ed alla maggiore durata della batteria (superiore a 10 anni)".

I medici: "Nel nostro primo paziente la procedura è risultata efficace"

"Il candidato ideale per questa procedura - aggiunge il direttore della Cardiologia dell’ospedale di Lecco - è quindi un paziente a rischio aumentato di complicanze sul catetere e di infezioni, quali un paziente giovane o con comorbilità, e che necessita non solo di defibrillazione ma anche di stimolazione anti-tachicardica, quale quello con cardiopatia ischemica. Il nostro primo paziente ha tutte queste caratteristiche essendo giovane ed avendo avuto oltre ad un grosso infarto anche un ictus ed un'infezione cerebrale. La procedura è stata efficace, priva di complicanze, e il paziente è stato dimesso a domicilio in seconda giornata post operatoria".

Sulla stessa lunghezza d'onda il dottor Antonio Pani. "Questo tipo di procedura rappresenta un notevole passo in avanti soprattutto nei pazienti giovani a rischio di infezione che necessitano di device in grado di prevenire la morte improvvisa. La presenza in situ della cardiochirurgia e della chirurgia vascolare ha permesso in questi anni di affinare procedure di elettrofisiologia sempre più complesse condivise nel nostro Heart Team permettendo di offrire un percorso di cura completo ed innovativo"

"Le innovazioni tecnologiche come il telemonitoraggio e la telemedicina adeguatamente strutturate - dichiara inoltre il responsabile della Struttura semplice di elettrofisiologia del Manzoni - permettono successivamente alla dimissione di mantenere un ponte di collegamento ospedale territorio; nello specifico il nostro paziente trasmette costantemente dati dal domicilio che confermano i parametri di adeguato funzionamento del device e permettono il corretto proseguimento delle cure".

Cos’è la morte cardiaca improvvisa

La morte cardiaca improvvisa è la principale causa di decesso per gli under 60 ed è responsabile del 50% delle morti imputabili a malattie cardiovascolari. Colpisce individui di tutte le età, ma è particolarmente rilevante, come causa di decesso, per gli adulti tra i 30 e 40 anni (fonte: American Heart Association. Cpr Facts & Stats. Accessed November 2019). La sopravvivenza è di circa l'8% senza defibrillazione. Ogni anno in Europa si registrano circa 400 mila arresti cardiaci, 60 mila soltanto in Italia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'ospedale di Lecco impiantato un defibrillatore extravascolare di ultima generazione
LeccoToday è in caricamento