menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il "Leopoldo Mandic" di Merate

Il "Leopoldo Mandic" di Merate

«Chiusura del pronto soccorso notturno e del punto nascite? Non è nei programmi»

Mauro Piazza e Antonello Formenti smentiscono l'ipotesi di chiusa del PS e del punto nascite al "Mandic"

«La Giunta regionale ha approvato regole che sono di carattere generale e non certo pensate per penalizzare un territorio o un ospedale in particolare. Ad oggi non ci sono in vista né chiusura del pronto soccorso notturno né tanto meno del punto nascite dell’ Ospedale Mandic di Merate», affermano i Consiglieri regionali Mauro Piazza e Antonello Formenti.

Lunghe attese in Pronto Soccorso e proteste, l'ospedale avvia un'indagine interna

«Dopo esserci confrontati con il dottor Favini possiamo puntualizzare che per quando riguarda il punto nascite del presidio di Merate già con i numeri attuali garantiamo il rispetto delle linee guide regionali e nazionali; allo stesso tempo - continuano i due consiglieri regionali - anche per il pronto soccorso sottolineiamo che le linee guida indicano un’apertura minima di 12 ore ai pronti soccorsi che hanno un numero di accessi inferiori alle 100 unità: nulla vieta che questo numero di ore possa essere superiore su decisione della singola ASST, visto che si tratta di linee guida per l’ottimizzazione del servizio e non imposizioni di carattere assoluto».

Pronto Soccorso: assunti tre nuovi medici, si divideranno tra Lecco e Merate 

«Come sempre, e come buona prassi, avvieremo un confronto con l’Assessore Gallera con la Direzione welfare, che mai si sono sottratti alle richieste del nostro territorio, e con la Direzione generale dell’ASST di Lecco affinché si tenga conto delle peculiarità dell’ambito socio sanitario di Merate e delle esigenze dei cittadini, anche alla luce di alcuni fatti contingenti come la chiusura del ponte San Michele, che già penalizzano i comuni della zona», spiegano i due eletti al Pirellone.

«Siamo certi che troveremo le soluzioni affinché il servizio attualmente offerto venga mantenuto ed implementato», concludono Piazza e Formenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento