rotate-mobile
Salute

Vaccinazioni anti covid e influenza, i dati nel territorio di Ats Branza e in Lombardia

Sono 9.750 le somministrazioni effettuate in regione nel primo vax day. Bertolaso: "Sono molto soddisfatto, dati oltre le aspettative. È un segnale di responsabilità"

Sono 9.750 le somministrazioni effettuate in Lombardia nella giornata di domenica 1° ottobre, primo appuntamento regionale per vaccinarsi contro l'influenza e il covid. Grande affluenza, quindi, negli 80 centri in cui è partita la campagna vaccinale con una giornata dedicata a persone over 60, bambini dai 2 ai 6 anni, donne in gravidanza, operatori sanitari, appartenenti alle forze dell'ordine, polizia locale, vigili del fuoco, insegnanti e personale scolastico.

Alcune strutture hanno inoltre avviato specifiche iniziative sul territorio come l'offerta in co-somministrazione della vaccinazione anti pneumococco e anti herpes zoster per i soggetti in target. Per quanto rigiarda il territorio lecchese, o più precisamente quello di Ats Brianza che comprenede anche i comuni della provincia di Monza Brianza e di Vimercate, ecco i dati della prima giornata di vaccinazioni: covid 194, influenza 356, herpes zoster 0, pneumococco 3. In totale 553.

"Sono molto soddisfatto - ha dichiarato l'assessore regionale al welfare, Guido Bertolaso - per l'affluenza nella prima giornata, un segnale di responsabilità. La Lombardia è partita subito con le somministrazioni proprio perché riteniamo fondamentale vaccinarsi. È questo il miglior modo per proteggere noi stessi e gli altri". Durante la giornata è stata offerta la possibilità di co-somministrazione della vaccinazione anti covid.

"Ricordo - ha aggiunto Bertolaso - che è importante difendersi non solo dall'influenza ma anche dal covid, una malattia che rimane molto insidiosa soprattutto per i più fragili. Nella giornata di avvio della campagna vaccinale non tutti hanno scelto la co-somministrazione e vorrei assicurarmi che alcuni messaggi siano ben chiari: il vaccino è sicuro e non si tratta di un richiamo ma di una nuova vaccinazione che copre le varianti attualmente in circolazione. Come da anni ci siamo abituati a fare l'antinfluenzale - ha concluso Bertolaso - così deve diventare per la vaccinazione contro il covid".

Dalla giornata di ieri, 2 ottobre, possono vaccinarsi sanitari, pazienti di ospedali e ospiti di Rsa e dal 16 ottobre tutti gli appartenenti alle categorie per cui la vaccinazione è raccomandata. Le prenotazioni sono attive dal 9 ottobre sulle piattaforme vaccinazioneantinfluenzale.regione.lombardia.it e prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it. Per tutta la durata della campagna vaccinale, inoltre, sarà disponibile il numero verde dedicato ai cittadini 800.894.545 dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19 per prenotazioni e informazioni.

Le categorie a cui è raccomandata la vaccinazione antinfluenzale sono: persone a rischio per patologia, familiari e contatti (adulti e bambini) di soggetti ad alto rischio di complicanze, donne in gravidanza, operatori sanitari inclusi dentisti, farmacisti, veterinari, infermieri ed altri, gli over 60 anni, i bambini da 6 mesi a 14 anni. Ed ancora le forze dell'ordine, polizia locale, vigili del fuoco, insegnanti e personale scolastico. La vaccinazione anti covid-19 con vaccino XBB 1.5 è indicata per i bambini da 5 a 11 anni, le persone da 12 a 59 anni per categoria di rischio per stato di salute o professione (forze dell'ordine, polizia locale, Vigili del fuoco, insegnanti, personale scolastico), gli over 60 anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccinazioni anti covid e influenza, i dati nel territorio di Ats Branza e in Lombardia

LeccoToday è in caricamento