«Scuola: un maggior coinvolgimento per contribuire a soluzioni più adeguate»

Dad a scuola, intervento del presidente dell'Agesc Lecco Jessica Locatelli: «Ogni situazione territoriale può essere gestita differentemente, chiediamo di poter intervenire al tavolo del confronto con la Regione»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Riprendere le lezioni scolastiche delle scuole secondarie solo tramite Dad non rispecchia pienamente il panorama dentro il quale ci si è mossi per prevenire una situazione educativa di emergenza già sperimentata nella sua forma più improvvisa e acuta la scorsa primavera. Ci si aspettava che il tempo trascorso dalla conclusione dello scorso anno scolastico, pur travagliato, fosse più che sufficiente per predisporre soluzioni diverse, invece a pagare il conto rischiano di essere ancora una volta i nostri adolescenti che mettono a repentaglio la loro formazione in un periodo fondamentale della loro crescita, non dimenticando la carenza di rapporti diretti coi docenti e delle relazioni fra coetanei, indebolite ulteriormente dai divieti di svolgimento delle competizioni di attività sportive che in tale età, con la scuola, hanno da sempre costituito un binomio vincente.

L'alternanza tra presenza in aula e Dad sarebbe stata l'ideale soluzione che avrebbe peraltro permesso adeguata programmazione anche da parte dei genitori, costretti invece a improvvisare assenze da lavoro con logiche conseguenze anche riguardo il mondo produttivo. Le scuole del territorio erano pronte ad affrontare tale duplice onere, ma puntare solo sulla didattica a distanza non fa che indebolire il sistema scolastico privandolo di quel trasferimento diretto di informazioni ed esperienza che a livello umano il corpo docente è da sempre abituato a fare di persona. Il tutto sembra far disperdere quel patrimonio di relazione costruttiva tra famiglie, istituzioni e amministrazioni costruito sull'ideale percorso che ha condotto a formare un sistema scolastico fatto di valori.

«I dati che portano a certe decisioni vanno analizzati»

Che dire poi de settore trasporti che invece di aumentare le corse attraverso potenziamenti che avrebbero potuto aiutare anche il settore privato sembra defilarsi dalle responsabilità dei contagi quando invece potrebbe essere additato come tra le prime fonti dati gli assembramenti in autobus - ed i pochi controlli -come in periodi di normalità, ormai lontani.

Ma quali sono i dati che portano a tali decisioni? E quali gli attori?

Agesc chiede di poter intervenire nei tavoli di confronto con Regione Lombardia, che ha sempre mostrato un'attenzione particolare rivolta alle scuole paritarie destinando risorse costanti alle famiglie, per condividere anche in questa occasione soluzione più costruttive di quelle finora adottate ed analizzando dati riferiti ai contesti scolastici: si parla di contagi nelle varie province, ma non ci si è mai fermati ad analizzarli riguardo le età e le cause di contagio o di isolamento volontario che potrebbero invece far capire che le precauzioni adottate a livello scolastico sono idonee alla prevenzione e alla limitazione della diffusione del Covid 19.

Un maggior coinvolgimento, quello che chiede Agesc, anche per far percepire che ogni situazione territoriale può essere gestita differentemente qualora non presenti i problemi delle aree metropolitane che in Lombardia sono identificabili solo nel Milanese. Con ciò non sottovalutando la pericolosità della situazione, ma invitando ad una più adeguata analisi che porti ad affrontare la situazione con attenzione e rispetto delle parti.

Jessica Locatelli, presidente Agesc comitato provinciale Lecco

I più letti
Torna su
LeccoToday è in caricamento