Alla Stoppani la musica non si è fermata nemmeno durante il lockdown

I ragazzi dell'indirizzo musicale della scuola lecchese parteciperanno alla XXXI Rassegna nazionale "La musica unisce la scuola" con video prodotti a distanza

I ragazzi dell'indirizzo musicale della scuola Stoppani parteciperanno alla XXXI Rassegna musicale nazionale "La musica unisce la scuola" promossa da Indire, l'Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa, che è il più antico ente di ricerca del Ministero dell'Istruzione e dal Comitato nazionale per l'apprendimento pratico della musica.

L'iniziativa punta a dare voce alla musica degli alunni degli indirizzi musicali del Paese che in questo periodo di lockdown hanno continuato a suonare, seguiti a distanza dai loro professori.

Anche un lecchese nella task force che dovrà ripensare la scuola italiana 

La Stoppani di Lecco parteciperà con il proprio indirizzo musicale. «Abbiamo continuato a seguire i nostri ragazzi - dicono i docenti musicisti - in tutti i modi che potevamo usare per essere presenti, grazie anche agli strumenti di didattica a distanza che il nostro nuovo dirigente Massimiliano Craia ha sapientemente attivato, fin dai primi momenti di crisi, malgrado le difficoltà di questo periodo. Attraverso la telematica i nostri alunni sono entrati nelle nostre case e noi nelle loro. Si è creata una grande empatia ed è stata ancora più forte l'esigenza di liberare la bellezza della musica che è dentro di loro e che vuole sempre una via per esprimersi, al di là di tutte le barriere e al di là di tutti gli ostacoli».

"Cambia Lecco", il decalogo sulla scuola: «Rete fra le realtà educative»

Sono stati così creati video musicali a distanza. Dal 25 al 30 maggio verrà aperta la piattaforma attivata per le scuole, che avranno infatti la possibilità di far conoscere le attività musicali realizzate nel corso di quest'anno scolastico (naturalmente, data l'emergenza sanitaria, anche quelle portate avanti a distanza negli ultimi due mesi) e di condividerle online, allo scopo di dare rilievo alle pratiche più innovative di  insegnamento e apprendimento della musica.

I video faranno parte di un più ampio programma di appuntamenti live che andranno avanti per tutta la settimana, fino al 30: brevi concerti on air, eventi in streaming e una serie di webinar di formazione dedicati alla didattica musicale (il palinsesto delle attività è già disponibile dal 6 maggio).

Appuntamento quindi al 25 maggio su lamusicaunisce.indire.it per poter vedere i ragazzi che sono stati protagonisti di questa iniziativa: i sassofoni e le trombe dei professor Antonio Agresti e Roberto Armocida, il pianoforte della classe della professoressa Cristina Pricca, i flauti della professoressa Tartara Elena, le chitarre della prof Emilia Cappello e i violinisti della prof Elena Filippini. Ma anche una canzone composta dal docente della scuola elementare di Acquate Maurizio Saccà che con la sua composizione dal titolo "Andrà tutto bene" non ha solo interpretato la musica, ma ha dato voce alle speranze di tutti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento