RC auto familiare 2020: cos'è e come funziona

L'entrata in vigore della Rc auto familiare è prevista per il 16 febbraio 2020. Ma come funziona il bonus assicurazione?

Il 16 febbraio 2020 entrerà in vigore la "RC auto familiare", un bonus assicurazione introdotto per ridurre i costi delle polizze di auto e moto. 

La novità, introdotta dal Decreto Fiscale 2020, consentirà di applicare la classe di merito più conveniente tra quelle applicate per i veicoli di proprietà dello stesso nucleo familiare. Saranno proprio le compagnie assicurative ad assegnare la classe di merito più vantaggiosa tra quelle possedute dai componenti del nucleo familiare.

Come funziona la RC auto familiare 2020

Il bonus familiare si applicherà sulla RC auto di auto, moto o furgoni, e punterà a garantire un risparmio per le famiglie, che potranno quindi beneficiare del riconoscimento della classe di merito migliore, attribuita dai veicoli posseduti dal nucleo familiare stesso, a prescindere dalla tipologia di mezzo da assicurare.

Per condividere la classe di merito e beneficiare del premio RC auto più basso, sarà fondamentale condividere anche lo stesso tetto, rispettando il vincolo della convivenza.

La 'Rc auto familiare' si differenzia dalla Legge Bersani per il fatto che quest'ultima consentiva di utilizzare la classe di merito più favorevole maturata su una auto ma solamente nel caso in cui si trattava di un veicolo che entrava per la prima volta in possesso della famiglia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento