Sabato, 25 Settembre 2021
social

Personaggi Lecchesi: Giancarlo Vitali, outsider dell'arte

Giancarlo Vitali, pittore contemporaneo di Bellano. Ecco la sua storia

Oggi parliamo di Giancarlo Vitali (29 novembre 1929 – 25 luglio 2018) un pittore contemporaneo locale che nasce a Bellano sul lago di Como. Così legato al suo paese, che la sua identità artistica va ricercata proprio in questo voler essere un artista prettamente locale. 

Inizia a dipingere a quindici anni, dopo un periodo di lavoro all’Istituto d’Arti grafiche di Bergamo. Espone la sua prima opera all’Angelicum di Milano nel 1947 in occasione della Biennale d’Arte Sacra.

Con istinto, intuizione e velocità, le opere di Giancarlo Vitali prendono letteralmente vita: ritrae amici, contadini, artigiani, gente comune, il mondo naturale e animale. La quotidianità diventa nei suoi lavori poesia.

Nel 1949, partecipa alla stessa Biennale con due opere, Visitazione e Cena in Emmaus e riceve apprezzamenti da Carlo Carrà. Rinuncia però alla borsa di studio all’accademia di Brera vista l’impossibilità da parte della famiglia di mantenerlo a Milano.

Per Giancarlo Vitali si apre quindi una lunga parentesi di silenzio. Inizia l’attività d’incisore nel 1981 su sollecitazione del figlio Velasco.
È il 1983 quando Giovanni Testori avendo visto per caso la riproduzione di un coniglio squartato, gli fa visita. Nasce da questo incontro un rapporto di reciproca stima e amicizia. L’anno successivo Testori gli dedica un articolo sul  “Corriere della Sera” e organizza a Milano la prima personale. Da quel momento espone in molte sedi pubbliche e private, pubblica numerosi cataloghi e cartelle di incisione.

Nascono in quegli anni i dipinti dedicati alle carni e agli animali macellati, il più famoso è il “Trittico del toro”, a cui Testori dedica tre poesie.

Giancarlo Vitali è un uomo semplice, umile, e con un immenso talento, da sempre considerato un outsider dell’arte e da sempre dedito alla pittura. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Personaggi Lecchesi: Giancarlo Vitali, outsider dell'arte

LeccoToday è in caricamento