rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
social

Prepariamo la zucca di Halloween, ma nel Lecchese esiste da sempre la "lümera"

La tradizione di intagliare il frutto autunnale come un teschio e illuminarlo dall'interno non è solo un'americanata, ma come altri usi dei celti è ben presente nella storia del territorio

Si celebra oggi, 31 ottobre, la festività di Halloween che, come tutti sanno, fu introdotta da immigrati irlandesi negli Stati Uniti e arrivò poi - come gran parte delle cose "made in Usa" - anche in Europa. Pochi, però, soprattutto tra i giovani, sanno che il rito di intagliare le zucche e illuminarle in occasione della Festa dei Morti era ben diffuso nel nostro territorio molto prima che Halloween conoscesse il successo commerciale anche da noi. E il motivo è semplice: si tratta di un'antica tradizione celtica che si diffuse secoli fa in tutto il Nord Italia.

Nel territorio brianzolo la consuetudine della zucca scavata a forma di teschio e illuminata dall'interno ha radici profonde, e molti anziani lecchesi ne sono ancora testimoni. La "lümera", come è chiamata, veniva preparata in occasione del primo fine settimana dei Morti e nell'originale tradizione celtica richiamava la testa dei defunti, alla quale la popolazione attribuiva profondi significati, individuandovi inoltre la sede dell'anima, ponte fra il regno dei vivi e quello dei morti.

Cena con cibi "poveri"

In questo periodo dell'anno, nel quale si concentravano le celebrazioni, era uso preparare zucche richiamando un volto umano e accenderle con un lumino all'interno. All'opera si accompagnava la preparazione di cene con cibi poveri, latte, castagne e biscotti secchi come il "pan dei morti". Anche allora la tradizione voleva che le zucche si mettessero fuori dalle finestre, a cura dei bambini sotto la direzione degli anziani, e che ci si recasse di casa in casa per ottenere dolci.

La "Notte delle lümere" è dunque una tradizione presente nella storia del territorio, ma è molto più comodo - e commercialmente più utile - chiamarla "Halloween", dalla traduzione più o meno letteraria di "All Hallows’ Eve", la sera di Ognissanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prepariamo la zucca di Halloween, ma nel Lecchese esiste da sempre la "lümera"

LeccoToday è in caricamento