rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
social

Lecco, Isola Viscontea: un gioiello da ammirare

Le sue origini sono incerte, ma si possono collegare alle sorti del ponte Azzone Visconti. Ecco la storia

L'Isola Viscontea si trova a Lecco, là dove il ramo del lago di Como diventa, nuovamente, fiume Adda. Si tratta di un vero e proprio gioiello situato subito dopo il ponte Azzone Visconti, quello che viene chiamato dai lecchesi "Ponte Vecchio", che porta il nome del suo realizzatore. 

Le sue origini sono incerte, ma si possono collegare proprio alle sorti del ponte vicino, che divenne motivo di discordia tra Lecco, Como e le terre di riviera, poiché si credette che esso potesse essere la causa delle piene del lago che sommergeva la piazza principale di Como. In seguito si scoprì che ciò non corrispondeva al vero, e si decise di procedere ad allargamenti del letto del fiume e si aggiunsero nuove arcate al ponte. 

Il materiale di riporto si depositò probabilmente sulla zona denominata del Lazzaretto. Per far sì che le acque fluissero meglio si scavò il canale che separa l'isola dalla terra ferma ed è in questo modo che si è andato a formare "l'isolotto".

La storia

Si può quindi far risalire la sua origine al XV secolo. Originariamente aveva funzione militare, e veniva utilizzata come un fortino di difesa e come presidio militare. In seguito, divenne una casa di pescatori. L'edificio dell'Isola è stato abitato fino al 1956 quando gli ex proprietari si videro negare il permesso di realizzare un ponte che collegasse l'isolotto alla terra ferma, e per questo motivo la abbandonarono. Successivamente fu data in affitto fino al 1961, prima che gli ultimi proprietari ne entrassero in possesso.

L'isola, è stata quindi utilizzata per matrimoni e ricevimenti, anche se l'opinione pubblica ha sempre sperato in un utilizzo più adeguato alla sua importanza. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecco, Isola Viscontea: un gioiello da ammirare

LeccoToday è in caricamento