menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Wikipedia

Foto Wikipedia

Personaggi illustri lecchesi: Mario Cermenati

Mario Cermenati, fondatore dei Musei Civici e amico di Antonio Stoppani

Mario Cermenati, nato a Lecco il 16 ottobre 1868, morto a Castel Gandolfo (Roma) l'8 ottobre 1924, amava la sua Lecco e le sue montagne. Cultore di scienze naturali alle quali si dedicò, attratto dall'esempio del suo concittadino e maestro Antonio Stoppani, diresse i suoi studi nel campo della mineralogia e della geologia, specie della Valtellina; ma si distinse anche più nella storia delle scienze, che insegnò a Roma.

Lecco gli ha dedicato una piazza ed un monumento, che si trova ai piedi della Basilica di San Nicolò. 

Cermenati mostra precocemente uno spiccato interesse per le scienze naturali, alimentato da frequenti escursioni sulle Alpi e Prealpi lombarde. Già a dodici anni aveva messo assieme una notevole collezione di animali, piante e minerali. Il suo feeling con la montagna lo accompagna per tutta la sua vita, dedicandole numerose conferenze e pubblicazioni. Dal dicembre del 1889 assume la presidenza della sezione di Lecco del Club Alpino Italiano.

L'attività di Mario Cermenati fu indirizzata specialmente a pubblicare integralmente gli scritti di Leonardo da Vinci, riuscendo a formare una Commissione vinciana che sotto gli auspici del Ministero dell'educazione nazionale pubblicò durante la sua presidenza il primo volume degli scritti di Leonardo. Egli infatti, ha impiegato la maggior parte delle sue energie per studiare, valorizzare e far conoscere il grande scienziato. Appassionato cultore dell’opera di Leonardo, aveva raccolto nella sua vasta biblioteca, andata distrutta durante l’ultima guerra, una notevole quantità di materiale e aveva dedicato molti lavori a particolari aspetti della sua figura e attività.

Lascia a Lecco un grande patrimonio, infatti nell’anno 1900 insieme all’archeologo Antonio Magni e al naturalista Carlo Vercelloni fonda i Musei civici di Lecco, di cui fu il primo presidente.

Appassionato di politica, nel 1909 viene eletto deputato al Parlamento, assumendo anche alti incarichi governativi nel settore Agricoltura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento