menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Notte di San Lorenzo: quando e come osservare le stelle cadenti

Nella notte di San Lorenzo, in particolare nelle notti tra il 12 e il 13 agosto, appariranno nel cielo migliaia di stelle cadenti: ecco quando e come vederle, per non perdersi questo meraviglioso spettacolo

Come ogni estate, non vediamo l’ora che arrivi la Notte di San Lorenzo, per riuscire ad ammirare almeno una stella cadente. 

Questo perché, la tradizione popolare dice che se guardando una stella esprimi un desiderio, questo prima o poi si avvererà. Che sia vero o meno, tutti cercheremo un luogo buio dove sdraiarsi e godersi lo spettacolo, guardando il cielo con la massima attenzione. 

Curiosità

Questa tradizione popolare, è associata alla storia di San Lorenzo, un martire che per fede venne bruciato vivo. Le stelle cadenti quindi, dette anche “lacrime di San Lorenzo”, ricordano appunto i carboni ardenti su cui morì il Santo. 

Proprio durante la Notte di San Lorenzo, in ricordo del suo martirio, è nata l’usanza di esprimere un desiderio. 

Quando osservare le stelle cadenti

Non importa dove tu sia in vacanza, mare o montagna non fanno differenza. Ma ricordate che la notte del 10 agosto non sarà quella più adatta per osservare le stelle cadenti.

Nelle notti tra il 12 e il 13 agosto, ci sarà il picco di massima visibilità, e si potrà ammirare uno spettacolo davvero unico. Sarà quindi possibile osservare una pioggia di meteore, comunemente chiamate stelle cadenti. 

Dal punto di vista astronomico, il periodo in cui si celebra la Notte di San Lorenzo, coincide col passaggio delle Perseidi, uno sciame meteorico visibile ad occhio nudo dalla Terra, che si manifesta in genere dalla fine di Luglio fino oltre il 20 Agosto. 

Consigli per l’osservazione

Nella notte tra il 12 e il 13 agosto, non sarà necessario munirsi di telescopio, ma sarà possibile ammirare le stelle cadenti anche ad occhio nudo. Si potrà cominciare ad osservare con attenzione il cielo fin dalla mezzanotte, ma il picco massimo si avrà nelle prime ore del mattino. Per riuscire ad osservare il cielo senza alcuna distrazione: 

- Allontanarsi dai luoghi illuminati e trovare un luogo buio: le fonti di luce artificiale potrebbero offuscare la visuale. Trovare invece cielo buio e con ampia visuale;

- Preferire la spiaggia o un prato: in questo modo si potrà avere una visuale perfetta di tutto il cielo notturno;

- Attendere con pazienza: l'occhio deve abituarsi al buio, quindi l'importante è non avere fretta. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento