Unicef e il regalo sospeso per aiutare i bambini ospedalizzati o in casa famiglia

La distribuzione del “regalo sospeso”, è un'iniziativa lanciata per la prima volta quest'anno, ed è stata ideata e realizzata dai giovani volontari del gruppo Younicef con il supporto degli operatori volontari del Servizio Civile dell’Unicef Italia

Da giovedì 7 gennaio, per celebrare l’epifania, ha preso il via la distribuzione dei “Regali sospesi” dell’UNICEF Italia, in totale sicurezza, per regalare un sorriso a dei bambini ospedalizzati o residenti in casa famiglia in Italia e sostenere allo stesso tempo i programmi dell’organizzazione di lotta alla malnutrizione infantile nel mondo. 

L’iniziativa lanciata dall’UNICEF Italia per la prima volta quest’anno è stata ideata e realizzata dai giovani volontari del gruppo Younicef, che con il supporto degli operatori volontari in Servizio Civile dell’UNICEF Italia, si recheranno nelle strutture che hanno aderito all’iniziativa per consegnare a tanti bambini il loro regalo sospeso: un simpatico Kit per il gioco composto da gadget di legno (il domino e uno yoyo o una trottola) e la valigetta della Pigotta. 

A fronte di un contributo minimo di 10 euro è ancora possibile continuare a sostenere l’UNICEF e fare un “regalo sospeso”, aiutando due bambini contemporaneamente.  Le donazioni potranno essere effettuate sia presso i comitati locali UNICEF aperti sia attraverso il sito https://donazioni.unicef.it/landing/regalosospeso/#/home

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico investimento sulla direttrice Milano-Lecco: la vittima era scomparsa nella mattinata

  • La Lombardia torna in zona rossa, cosa si può fare e cosa no

  • Doppia tragedia sui monti che circondano il Lecchese: morti due uomini a Brumano e sul San Primo

  • Lecco, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio. Ecco le regole

  • Stroncato da un malore in montagna: Mandello piange Carlo Gilardi

  • Calolzio: scoperta società legata alla malavita, il Prefetto De Rosa la chiude

Torna su
LeccoToday è in caricamento