Martedì, 26 Ottobre 2021
social

Villa Greppi a Monticello, il palazzo neoclassico della Brianza

Villa Greppi si trova nel cuore della Brianza, tra le prime colline che si estendono tra Milano e Lecco

Concepita come palazzo neoclassico, Villa Greppi costituisce un perfetto esempio di costruzione nobiliare in grado di creare un perfetto connubio con il paesaggio circostante. 

Le sue origini sono legate alla figura del conte Giacomo Greppi, appartenente ad una delle casate nobiliari più in vista della Lombardia dell'800. Fu proprio il conte Greppi ad acquisire, nella località di Casatevecchio a Monticello Brianza, una grande proprietà con terreni di diverso uso, alcune “case rustiche”, una “casa da massaro con torchio” e una “casa civile con giardini”. Qui commissionò la costruzione dell’imponente residenza e la maggior parte delle decorazioni interne.

L'edificio

L'edificio si sviluppa su tre piani, con i caratteri architettonici e stilistici tipici del neoclassicismo. L’interno, mantiene ancora oggi, un ciclo decorativo di affreschi parietali improntato proprio sullo stile neoclassico e in parte influenzato dall’eclettismo di tardo Ottocento.

Il fronte meridionale invece, è caratterizzato da un gioco di terrazzamenti e simmetrie, tipiche del giardino all’italiana, che esaltano il senso di dominanza della villa. Attorno all'edificio si apre il grande parco all’inglese con diversi esemplari di piante e ampi spazi a prato.

Oggi Villa Greppi appartiene all’ente pubblico Consorzio Brianteo Villa Greppi. L’archivio conserva i documenti relativi alla storia della villa e il Fondo Greppi, ovvero una notevole mole di disegni e acquerelli, opera dell’artista Alessandro Greppi, vissuto nel XIX secolo, che fece della villa e della Brianza uno dei soggetti più raffigurati nella sua produzione pittorica.

Dove si trova Villa Greppi?

Indirizzo: Via Monte Grappa, 21, 23876 Monticello LC

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Greppi a Monticello, il palazzo neoclassico della Brianza

LeccoToday è in caricamento