menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
David Bacci (a sx) e Luca Moroni (dx)

David Bacci (a sx) e Luca Moroni (dx)

La cima inviolata dello Jannu East nel mirino dei Ragni Bacci e Moroni

I due Maglioni Rossi sono partiti ieri alla volta del Nepal dove tenteranno di salire in stile alpino una vetta inviolata di 7460 metri

Ieri, domenica 9 settembre, i Ragni David Bacci e Luca Moroni, sono partiti alla volta del Nepal per affrontare la loro nuova sfida alpinistica.

Si tratta di un obiettivo ancora più bello e ambizioso di quello che questi due giovani alpinisti hanno saputo immaginare e realizare lo scorso anno, con la ripetizione della difficilissima Czech Direct al Mount Denali, in Alaska (https://ragnilecco.com/ragni-czech-direct-denali-mckinley/).

«Finalmente, dopo una lunga estate di allenamenti si riparte per un altra grande avventura – racconta David - Lo Jannu East è una cima inviolata situata in uno dei luoghi più remoti e affascinanti del Nepal, vicino al famigerato Kanchenjunga, uno dei grandi 8000 himalayani. Solo per arrivarci servono di 12 giorni di trekking partendo dalla giungla nepalese, fino ad arrivare al campo base a 5000 metri».

Jannu East si eleva fino alla quota di 7460 metri, non molto distante dalla cima principale dello Jannu, che lo sopravanza di circa 200 metri. Queste vette, che si innalzano sopra i ghiacciai con pareti estremamente ripide e complesse su ogni verante, rappresentano una delle sfide più affascinanti ed estreme per l’alpinismo tecnico d’alta quota.

La vetta principale dello Jannu venne salita già nel 1962 dalla spedizione francese guidata da Lionel Terray, per poi essere affrontata lungo linee di salita differenti e con alterni successi, da alcuni dei più bei nomi dell’alpinismo internazionale come Tomo Cesen, Toma? Humar, Valeri Babanov e Ueli Steck.

Sullo Jannu East, invece, si sono cimentate negli anni scorsi svariate spedizioni di alpinisti Sloveni senza successo… segno che, sicuramente, i nostri due Maglioni Rossi dovranno dare fondo a tutte le loro capacità per raggiungere la vetta!

David e Luca, inoltre, hanno intenzione di affrontare questa salita nel più rigoroso stile alpino, quindi senza l’utilizzo di bombole d’ossigeno, portarori d’alta quota e corde fisse.

«Siamo entusiasti per questa nuova spedizione e nei prossimi due mesi faremo tutti il tifo per David e Luca – commenta il Presidente dei Ragni Matteo della Bordella – Resteremo in contatto diretto coi ragazzi nelle varie fasi delle spedizione; cercheremo di trasmettergli un po' del nostro calore ed entusiasmo e di fornirgli il miglior supporto possibile. Siamo certi che abbiano la preparazione e le capacità per affrontare al meglio qusta grande esperienza himalayana».

La spedizione allo Jannu East è stata organizzata con il supporto ufficiale del Gruppo Ragni della Grignetta del Cai Lecco e grazie alla collaborazione di alcuni fra i più fedeli partner del sodalizio: Adidas Terrex, Camp Cassin, Acel Service e Terra Cielo Mare, Adidas Eyewear e df-Sport Specialist.

Un ringraziamento per la collaborazione va anche al Cai Varese e alla ditta Zamberlan.

Chi sono i protagonisti?

Luca Moroni - Classe 1990, varesino, comincia a scalare nel 2012 in breve arriva ad avere le capacità necessarie per ripetere molte classiche di alta difficoltà delle Alpi come il Pilone Centrale del Freney, la Gabarrou-Long al Pilastro Roso del Bruillard, Divine Providance al Grand Pilier d?Angle, il Couloir Nord diretto dei Drus e la grande nord dell’Eiger.

Nel 2017 è in Alaska per ripetere la durissima diretta dei Cechi al Mount Denali. A ottobre dello stesso anno diventa Aspirante Guida Alpina e poi entra a far parte del Gruppo Ragni della Grignetta.

David Bacci - Nato in Olanda nel 1985, arrampica dall’età di 18 anni. Ha salito sulle di vie di roccia come  Freerider su El Capitan e ha effettuato la prima ripetizione della via dei Ragni alla parete Est del Fitz Roy.

Su ghiaccio e misto, oltre ad aver ripetuto alcune fra le più difficili vie alpine, ha realizzato la ripetizione della via dei Ragni sul Cerro Torre, ha salito in prima assoluta la est del Cerro Murallon e ha ripatuto la diretta dei Cechi al Mount Denali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento