Sport

Bonacina, terza a Manila, dedica il podio alla zia assassinata

Cristina strepitosa nelle Filippine: «Maria Losa seguiva le mie imprese sportive».

Ha vinto il bronzo, ma è come se si fosse messa al collo l'oro. Cristina Bonacina è tornata ad affrontare le gare di tower running dopo un lungo periodo di inattività dovuto a un tragico fatto di cronaca.

L'atleta calolziese, portacolori del Gp Talamona, è stata impegnata nella quinta tappa del Vertical World Circuit 2016 sul grattacielo Sangri-La di Manila, nelle Filippine, edificio di 59 piani e ben 1.353 gradini, per un totale di 250 metri di dislivello.

Bonacina ha chiuso la sua gara al terzo posto, ma è un piazzamento molto prezioso: nella classifica parziale del circuito, la calolziese balza infatti al comando davanti alla ceca Lenka Svabikova e alla fortissima australiana Suzy Walsham, vincitrice di giornata a Manila.

Lo svolgimento della gara è stato altalenante per Bonacina: partita terza, si è fatta sfilare da diverse atlete, per poi riprenderle tra il 40° e il 50° piano, staccando l'australiana Reid nel tratto finale e agguantando l'agognato podio.

«Sono felicissima del mio risultato, un bronzo insperato, sono stupita di me stessa - sono state le prime parole di Cristina - Sono arrivata a questa gara alla conclusione di un periodo di due mesi molto difficile, sia di salute che di morale, e per questo voglio dedicare questo risultato alla mia povera prozia Maria Losa, che seguiva le mie imprese sportive e alla quale ero molto legata, ma che recentemente è stata brutalmente assassinata».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonacina, terza a Manila, dedica il podio alla zia assassinata

LeccoToday è in caricamento