menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lecco C5 senza campo: appello alle istituzioni o salta la A2

Niente Taurus, la società bluceleste costretta a indicare la struttura casalinga entro il 10 luglio. E il presidente scrive agli amministratori pubblici

Un appello per continuare a calcare i campi di serie A2. Il Lecco Calcio a 5 esce allo scoperto e si rivolge alle istituzioni lecchesi: non potrà usufruire del PalaTaurus e al momento non ha un impianto di gioco per ospitare le partite casalinghe. Si tratta di una lotta contro il tempo: la società bluceleste deve trovare una soluzione al problema entro il 10 luglio, data in cui dovrà formulare l'iscrizione specificando il luogo con tanto di dichiarazione di disponibilità del gestore.

La nuova gestione del PalaTaurus (dove negli ultimi due anni il Lecco C5 ha giocato) non potrà dare disponibilità prima della fine di agosto per questioni legate all'organizzazione interna, e dunque non è un'opzione al momento percorribile. 

Il presidente Elena Ionel si rivolge così alle istituzioni di Lecco «perché possano intercedere e/o aiutarci a trovare una soluzione alternativa ma anche a quelle di paesi limitrofi dotati di idonea struttura per lo svolgimento dell'attività sportiva indoor a livello nazionale, che abbiano voglia di “ospitare” la nostra società che a oggi è considerata un assoluto valore in termini di serietà e organizzazione per la disciplina del futsal e da anni dona lustro e pregio alla città di Lecco e ai suoi colori blucelesti che si onora di indossare». 

Il Lecco C5 sarebbe disposto anche a sacrifici pur di continuare l'attività in A2, e del resto ci ha fatto l'abitudine: già lo scorso anno, a causa dell'impossibilità di svolgere allenamenti al Bione, la prima squadra è stata spesso costretta ad allenarsi a orari impensabili (tipo 22.30), mentre l'Under 21 lo ha fatto ad Annone, la squadra femminile a Monza, i giovanissimi tra Monza, Milano e Segrate. 
Ora, dopo avere entusiasmato i tifosi e le istituzioni, è tempo di chiedere aiuto alla città. Incrociando le dita. Altrimenti lo sport lecchese perderebbe una gloriosa pagina di storia recente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento