Venerdì, 19 Luglio 2024
Il rebus / Castello / Via Don Giuseppe Pozzi, 6

Il Lecco è in Serie C, ma il futuro è un rebus: Di Nunno-Aliberti, che fate?

L'imprenditore campano ha prestato la fideiussione al patron bluceleste, ma il preaccordo non è stato rispettato e la trattativa ha rischiato di fallire a ridosso del traguardo

Siamo alle solite. La Calcio Lecco 1912 è iscritta alla Serie C, ma la cessione rimane un rebus. La trattativa tra Di Nunno e Aliberti, infatti, è a serio rischio. O quantomeno lo è stata per ore. L’imprenditore campano ha adeguato la sua offerta nel corso della giornata, ma il patron avrebbe fatto delle richieste troppo alte, in aumento dopo la recentissima ricezione di fondi – indiscrezioni raccolte da lcnsport.it parlano di mezzo milione di euro – derivanti da minutaggio e contributo della Lega che esula dal futuro paracadute: il proprietario della Calcio Lecco 1912 ha spiegato di non essere intenzionato a scendere a patti, mentre il presidente di IMD Group - che ha emesso la fideiussione da 350mila euro necessaria per iscriversi al prossimo campionato - di contro non ha voluto alzare ulteriormente una parte cash – si sarebbe spinto fino a 300mila euro – che non era stata richiesta fino alla fine della scorsa settimana.

Di Nunno, era finita: Calcio Lecco venduta ad Aliberti

Questo, ovviamente, oltre all’accollo della spesa corrente compresa tra il milione e il milione e mezzo di euro. Si è provato a recuperare una situazione che si è decisamente incrinata, anche perché tra le due parti era già stato sottoscritto un preaccordo e il patron bluceleste ha continuato a cambiare le carte in tavola come da sua prassi. Del resto la passione per il poker non è mai stata nascosta.

Il riavvicinamento

Intorno alle 16 sono arrivati nuovi aggiornamenti sul fronte Di Nunno-Aliberti: dopo le difficoltà incontrate durante la mattinata e l’aver portato la trattativa a un passo dallo sfumare, le due parti si sarebbero successivamente riavvicinate. Alle 18.30 è in programma una conferenza stampa da parte dell’imprenditore campano, che evidentemente servirà per fare il punto della situazione all’interno di una giornata fatta di tira e molla dopo la presentazione di un ultimatum da parte del presidente di IMD Group. Da qui la nuova evoluzione che potrebbe anche portare alla fumata bianca: un finale drama – vada come vada – che era lecito aspettarsi. E la piazza lecchese, che ha reagito negativamente dopo le notizie arrivate nella tarda mattinata, aspetta di capire le mani che plasmeranno la stagione 2024/2025.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Lecco è in Serie C, ma il futuro è un rebus: Di Nunno-Aliberti, che fate?
LeccoToday è in caricamento