Stefano Carnati ripete la mitica Dreamtime e ripercorre i passi di Fred Nicole

Il giovane talento dei Ragni ha salito il passaggio dell'area boulder di Cresciano, divenuto un punto di riferimento a livello mondiale per bellezza e difficoltà

Stefano Carnati durante la salita di Dreamtime (Foto Franz)

Lo scorso martedì 3 dicembre il Ragno Stefano Carnati ha ripetuto Dreamtime, la mitica linea boulder di Cresciano, liberata nel 2000 da Fred Nicole e considerata il primo blocco al mondo di difficoltà 8c.

Pur restando un punto di riferimento e una sfida fra le più impegnative per i migliori boulderisti in circolazione  - sono poco più di 20 al mondo gli scalatori che sono riusciti a salirlo - negli anni successivi alla prima libera Dreamtime ha avuto una storia travagliata sotto l'aspetto della valutazione del grado: si parla di prese misteriosamente e sciaguratamente migliorate che fanno scendere la difficoltà all'8b+, poi la rottura di un appiglio sembra ridare nuovamente alla linea il grado 8c.

Tutte cose importanti, ma fino ad un certo punto. Stefano nella sua storia di scalatore ha sempre lavorato per alzare il livello, ma le tappe della sua ricerca non si possono certo esaurire nei semplici numeri. Storia e bellezza delle vie sono state per lui una linea guida al pari e forse anche più della difficoltà. E' proprio seguendo questa strada che è arrivato ad incontrare Dreamtime.

Dreamtime 2 ph. Franz-2

Come spiega lo stesso Fred Nicole: «Il nome Dreamtime non si riferisce soltanto alla difficoltà della linea, ma anche alla sua bellezza. Eravamo stati in Australia durante l'estate, quindi ho ritenuto che questo nome fosse calzante: per gli Aborigeni “dreamtime" significa una sorta di trance semi-sognante, uno stato tra il sogno e la realtà, o un sogno che diventa realtà. Dreamtime è stato un momento molto speciale per me, un momento di grande rilevanza nella mia vita arrampicatoria».

Questo il commento di Stefano Carnati a proposito della sua realizzazione:

«Ci sono delle linee che fanno sognare ogni climber, simboli della storia del boulder e della sua evoluzione. Fra queste Dreamtime ha un posto d’onore. Pur non essendo un boulderista “puro”, ne sono sempre stato attratto ed il desiderio di poterlo realizzare era un vero sogno. Cresciano non è lontano da casa ed è dunque un luogo dove ogni tanto d’inverno mi piace andare per tentare qualche blocco storico, tornando spesso a casa sconfitto, ma con lo stimo sempre più alto e ancora più competitivo. Per Dreamtime è successo proprio così: qualche tentativo sparso negli anni sulla partenza in piedi, anche quando ancora non avevo un sufficiente livello per poterlo salire e poi quest’anno ... Quest’anno, appena aperta la stagione per i blocchi, la prima visita a Cresciano mi ha confermato che qualcosa era cambiato: riesco a salire la partenza da in piedi e di conseguenza decido di mettere le mani su quella da seduto. Torno un’altra volta, in compagnia sempre di Simo Tentori, anche lui ben motivato e vicino alla realizzazione, per mettere a punto e meccanizzare tutti i passaggi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga fa felici due lecchesi: due Mini in regalo, i numeri vincenti

  • La terra trema: in serata terremoto rilevato nel territorio di Ello

  • Individuato l'uomo che punta i pedoni con l'auto come in un "folle gioco"

  • Offerte di lavoro, Sport Specialist assume personale nel Lecchese: come candidarsi

  • Tragedia a Osnago: attraversa i binari e muore sotto il treno

  • Barzio: tragedia sullo Zucco Angelone, arrampicatore cade durante la scalata e perde la vita

Torna su
LeccoToday è in caricamento