menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cento partecipanti alla "Remada 2018" ad Abbadia Lariana

Ben 63 imbarcazioni di ogni genere per la manifestazione non competitiva proposta dal Centro Sport. A tagliare il traguardo per primo il quattro senza della Canottieri Moto Guzzi

Grande spettacolo questa mattina, domenica, ad Abbadia Lariana per la 32^ edizione della "Remada", competizione non agonistica organizzata dal Centro Sport Abbadia con la collaborazione del Comune e del Circolo Arci.

Il via è stato dato alle 10, dopo la benedizione del parroco don Vittorio Bianchi dalla riva. Il percorso ha visto la partenza dalla riva prospiciente il Parco Ulisse Guzzi, con prima boa a Mandello in zona Canottieri e seconda in zona Torraccia, per concludere ancora in località Poncia.

Il programma della Remada 2018

A sfilare sul lago, dandosi simbolicamente battaglia sportiva, ben 63 imbarcazioni di ogni genere, per un totale di 100 partecipanti. Ha tagliato il traguardo per primo un quattro senza della Canottieri Moto Guzzi, con il tempo di 28'; un minuto più tardi il doppio della Canottieri Lecco, quindi la prima canoa, un K4 sempre della società bluceleste. Al quarto posto un tipico armo di allenamento con i veterani della Moto Guzzi, mentre in quinta posizione è giunto un giovanissimo quattro senza mandellese composto dagli Allievi. Via via sono poi arrivate le altre imbarcazioni, soprattutto quelle singole, barche, canoe e tavole. A chiudere la "sfilata" le imbarcazioni caratteristiche del Lario, le Lucie.

Il Centro Sport del presidente Luca Donato, non essendo la gara competitiva, ha consegnato soltanto i premi speciali. Partecipante più giovane Riccardo Riva del 9 agosto 2013; meno giovane Luciano Belloni del 26 giugno 1937. La festa proseguirà sino a domenica sera con musica e buona cucina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento