Dal Cornizzolo a Monaco di Baviera: 255 chilometri in parapendio

Straordinaria impresa di Mauro Angel e Matteo Wieber, capaci di sorvolare le Alpi

Un'impresa straordinaria: in parapendio dal monte Cornizzolo fino alle pianure che portano a Monaco di Baviera, senza mai toccare terra.

Protagonisti del lunghissimo volo Mauro Angel di Verceia e Matteo Wieber di Lurago d'Erba, che hanno scelto il Lecchese come punto di partenza per un tentativo clamoroso. I due, sabato scorso, hanno volato per 255 chilometri sorvolando interamente le Alpi, partendo alle 11 e atterrando sette ore e 45 minuti più tardi in uno sperduto paesino tedesco trenta chilometri a nord di Garmisch.

«Abbiamo trovato condizioni meteo irripetibili - racconta Mauro Angel a LeccoToday - Bel tempo e correnti ascensionali ideali. Peccato per non essere riusciti a battere il record italiano di durata, mancava pochissimo, ma resta comunque un'impresa che ci ha riempito di orgoglio e soddisfazione».

I due impavidi amanti del parapendio - che alle spalle hanno un'esperienza di volo decennale - sono partiti da quota 1.700 metri del Cornizzolo per salire ai 2.500 della Grigna e all'altitudine massima di 3.800 metri in Engadina. «La temperatura minima incontrata è di 6 gradi sottozero - prosegue Angel - ma i materiali indossati ci hanno permesso di non patire il freddo. Nessuno aveva mai provato questo volo: quando arrivi in Germania, scavalcate le Alpi, il paesaggio che si apre è straordinario».

I due hanno affrontato la distanza tenendosi in contatto per radio, ma a un certo punto il riferimento, sia audio che visivo, è scomparso. «Gli ultimi chilometri li abbiamo affrontati in solitaria. Siamo atterrati a distanza di circa un chilometro. Una volta ricongiunti, siamo andati in treno fino a Garmisch, dove un nostro amico ci attendeva in auto per rientrare in Italia. Siamo tornati a casa alle quattro del mattino».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Angel e Wieber sono pronti per un'altra grande impresa. «La primavera è ideale per il parapendio: ci piacerebbe riprovare e questa volta andare oltre i 300 chilometri, così da stabilire un vero e proprio record».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrido di Bellano, si riapre: sabato 11 torna visitabile il percorso originale

  • Valmadrera: i Legnanesi danno spettacolo in via Casnedi. Presenti cinquecento persone

  • Triplo intervento dell'elisoccorso a Moggio, Mandello del Lario e sulla Grigna Settentrionale

  • Lecco, niente più mascherina all'aperto se si rispetta la distanza di sicurezza

  • Santo Stefano: rissa in via Trento, intervengono carabinieri e soccorritori

  • Estate in Lombardia con Discovery Train, c'è un biglietto speciale per andare alla scoperta del territorio lecchese

Torna su
LeccoToday è in caricamento