Calcio Lecco, pazzesco! De Paola rifiuta l'incarico, torna Delpiano in panchina

L'allenatore calabrese ha declinato l'offerta dopo tre giorni di valutazioni: al "Rigamonti-Ceppi" si siederà nuovamente il tecnico esonerato lunedì

Alessio Delpiano durante la seduta tenutasi questo pomeriggio

A guardarla da esterni, c'è semplicemente da non crederci. In casa Calcio Lecco, di certo, non regnano nè la monotonia nè la tranquillità. L'ultima oggi, a coronamento di una settimana pazzesca: lunedì pomeriggio, al termine dei colloqui necessari, il presidente Paolo Di Nunno ha deciso di esonerare Alessio Delpiano e d'ingaggiare Luciano De Paola; con il torinese è stato allontanato anche il diesse Erminio Gizzarelli.

Bene, nemmeno 24 ore dopo la prima sorpresa: con il "Pirata" si presenta proprio lui, Gizzarelli, voluto da De Paola in persona accanto a sè e alla squadra. L'appartente tranquillità permane 48 ore, giusto il tempo di vedere due allenamenti e di sentire le prime, e forti, dichiarazioni del calabrese. Questa mattina, infatti, un vero e proprio fulmine ha squarciato il cielo calcistico lecchese: De Paola, dopo tre giorni di valutazioni, ha deciso di lasciare l'incarico, formalmente mai assunto visto che il contratto, almeno da parte sua, non era mai stato firmato nè, tantomeno, depositato. L'indiscrezione rilanciata da Lecco Channel News ha preso via via sempre più corpo ed è stata confermata da sempre più fonti.

Dopo ore di agitazione, la comunicazione ufficiale: "Calcio Lecco 1912 S.r.l. comunica di aver appreso nella mattinata odierna la volontà del Sig. Luciano De Paola di non accordarsi con la Società. La guida tecnica della prima squadra viene riaffidata al Sig. Alessio Delpiano che già oggi condurrà la seduta d’allenamento." Si, proprio lui, Delpiano, nel pomeriggio di venerdì ha guidato una seduta svoltasi in un clima surreale.

"Non c'erano i presupposti per continuare", si è limitato a commentare Luciano De Paola, infastidito per le troppe interferenze nella sua breve permanenza lecchese, che sarebbe stata la seconda dopo quella, soddisfacente, del 2015-2016. Domenica la sfida al Caravaggio dirà quante scorie avrà lasciato l'allucianante situazione vissuta sotto il tormentato cielo bluceleste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Folla e follia per il merchandising Lidl: scarpe comprate a 13 euro e rivendute a oltre 200

  • Coronavirus, la Lombardia chiede la zona arancione dal 27 novembre

  • «Ho investito in sport e prevenzione, sbagliato il lockdown nei confronti di attività come la mia»

  • "Rosa Camuna": a Sergio Longoni la massima onorificenza assegnata da Regione Lombardia

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • L'amore trionfa sul virus: si sposa dopo essere stato intubato e aver sconfitto il Covid

Torna su
LeccoToday è in caricamento