rotate-mobile
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Beatrice Colli in vetta al mondo! Fuori l'ultima puntata del documentario sul prodigio lecchese

L'ultima parte diffusa da EpicTv si basa sull'interviste realizzata a Fabio Palma, allenatore dell'atleta dei Ragni

Beatrice Colli in vetta al mondo. Ve l'abbiamo raccontato ad agosto, quando la fortissima atleta dei Ragni di Lecco ha conquistato il titolo Under 18 di arrampicata Speed. Una grandissima emozione per lei e anche per Fabio Palma, il suo allenatore, che ha ricordato il percorso fatto per portare la costamasnaghese all'apice: l'ha fatto nel documentario prodotto da Yuri Palma per EpicTv.

“Ti darò il 200%”

“Si chiude con questo un anno che mi porterò dietro come uno dei più indimenticabili della mia vita certamente privilegiata e fortunata.

É stato un onore accompagnarti seguirti capirti sopportarti aiutarti in momenti così difficili che a volte non capisco come tu possa esserne uscita così. In questo modo.

Mi hai insegnato cose che non sapevo. 

Come nel dolore e nella rabbia si può essere lucidi e vincenti. A 16 anni, con tensioni non solo sportive, con scogli che non erano previsti.

Mi hai insegnato a mordermi la lingua, e mi hai mostrato una riconoscenza che ho avuto solo tanti, tanti anni fa. Una riconoscenza non richiesta, inaspettata, che hai scritto in post che nessuno ti aveva chiesto.

Non mi hai mollato e potevi farlo, e anch'io non ti ho mollato due anni fa. Sei stata così intelligente da sopportare sconfitte e accettare i miei limiti.Io ho accettato quello che sei che ti rende unica, come lo sono i Campioni. Non ho fatto l'errore di volerti come avrei pensato tu avresti dovuto essere. Un Campione non è mai uno del gruppo. Mai. Mi sono seduto di fianco al tuo carattere sempre volto a fare tutto e dare tutto, insofferente alle cose inutili. Sei uguale a mio figlio ma a un figlio é facile adeguarsi. 

Con te è stata una crescita anche interiore. 

Mi hai costretto a riprendere in mano libri e articoli scientifici, che fatica sai? Ogni tanto mi dicevo, ma non potevo allenarla 30 anni fa, quando leggevo e comprendevo in pochi minuti?

Ho e abbiamo sperimentato su di te cose nuove. Eri diversa, ti abbiamo allenata in modo diverso. Sei stata la prima ora altri fanno così. 

Ti prometto che se finirà ho dato 100 d'ora in avanti ti darò 200. Perchè tu hai dato ciò che non sapevo neppure ci fosse se non nelle storie di leggende. 

Grazie”

Sullo stesso argomento

Video popolari

Beatrice Colli in vetta al mondo! Fuori l'ultima puntata del documentario sul prodigio lecchese

LeccoToday è in caricamento