Il Giir di Mont 2019 è uno spettacolo: trionfano Gabriele Bacchion e Ruth Croft

L'italiano del Tornado Team stacca Martinez e Antonioli, la neozelandese domina su Dragomir e Kortazar. Al via 500 partecipanti più 238 sul percorso "mini"

Giir di Mont 2019: il podio maschile (Foto credits: Corsa in montagna)

Si è svolta oggi una grande edizione del Giir di Mont a Premana, che ha resistito al fango e alla calamità naturali dei giorni scorsi. Le emozioni, nella tradizione skyrace, non sono mancate. È stata "la Festa del Giir", come l'organizzatore Filippo Fazzini ha ricordato ai microfoni nel dopo gara, giunta dopo la prova più difficile che ha imposto ridimensionamento degli storici tracciati di gara e, dulcis in fundo, un meteo a forte rischio anche nel weekend.

I numeri parlano chiaro: 500 partecipanti sulla distanza lunga e 238 sul percorso "mini", per l'occasione accorciate rispettivamente a 21 (con 2076 D+) e 11 (1000 D+) chilometri.

Quarto l'idolo di casa Mattia Gianola

La vittoria è andata a Gabriele Bacchion (Tornado Running Team), capace di mantenere sempre una trentina di secondi di vantaggio sull'indomito campione dei Piani Resinelli Daniel Antonioli (La Sportiva-Falchi Lecco). L'allungo decisivo nell'ascesa a Premaniga e Solino: Bacchion trionfa in 2h17'05" davanti allo spagnolo Antonio Perez Martinez (Wild Trail Project-Nike) in 2h19'23" e ad Antonioli in 2h20'12". Quarto l'idolo di casa Mattia Gianola (2h21'31").

A livello femminile, schiacciante vittoria della neozelandese Ruth Croft (Team Scott) in 2h36'20". Staccatissima Denisa Dragomir (Team Serin) ancora una volta a podio (2h39'23"), terza la basca Oihana Kortazar (Salomon Santiveri) in 2h41'03".

Nel mini Giir, quest'anno ridotto alla distanza di 11 km, vittorie straniere: si impongono il keniano Japhet Mwenda Mutwiri e la gallese Heidi Davies. In chiave La Sportiva Mountain Running Cup (circuito di cui il Giir di Mont era quarta tappa) considerevoli passi avanti compiuti dal vincitore di giornata Bacchion e dai suoi inseguitori più prossimi, Daniel Antonioli e Mattia Gianola. Nel ranking femminile la capoclassifica Paola Gelpi chiude all’ottavo posto di giornata.

Top ten Uomini

Gabriele Bacchion (Tornado Team) – 2H17’05”
Antonio Perez Martinez (Wild Trail Project – Nike) – 2H19’23”
Daniel Antonioli (Falchi-Lecco) – 2H20’12”
Mattia Gianola (Premana) – 2H20’12”
Ionut Alin Zinca (Fuby Shop) – 2H23’24”
Daniele Cappelletti (Atl. Valle Di Cembra) – 2H24’13”
Paolo Bonanomi (Falchi-Lecco) – 2H24’15”
Kiplagat Kemboi Jonah (Run2Gheter) – 2H25’14”
Luigi Pomoni (Premana) – 2H26’09”
Lorenzo Beltrami (Falchi-Lecco) – 2H26’42”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Top ten Donne

Ruth Charlotte Croft (Scott Running) – 2H36’16”
Denisa Dragomir (Serim) – 2H39’23”
Oihana Aranzeta Kortazar (Salomon Santiveri) – 2H40’59”
Azara Garcia De Los Salmones (Team Aml Sport) – 2H41’51”
Ingrid Mutter (Compresssport) – 2H48’05”
Marsanova Lucie – 2H51’14”
Annelise Felderer (Asc L.F. Sarnital Raiffeisen) – 2H52’29”
Paola Gelpi (Team Lasportiva) – 2H55’28”
Virginia Mesonero Perez (Team Bergoutdoor) – 2H56’31”
Elisa Pallini (C.S. Cortenova) – 2H59’02”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gessate saluta Elena e Diego, privati della loro vita dalla follia omicida del padre: «Ciao nanetti»

  • Tragedia di Margno: sabato i funerali dei piccoli Elena e Diego, poi quelli di Mario Bressi

  • Tragedia di Margno, proseguono le indagini: rinvenuti due cellulari. Oggi le autopsie

  • Margno: l'autopsia conferma la prima ipotesi, i gemelli sono stati strangolati

  • Mandello: caos ai Giardini, il sindaco chiude la zona a lago

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

Torna su
LeccoToday è in caricamento