menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Matteo Pelucchi all'arrivo (foto IAM Cycling)

Matteo Pelucchi all'arrivo (foto IAM Cycling)

Pelucchi non si ferma più: che bis al Giro di Polonia

Dopo il successo di lunedì, il corridore brianzolo si regala un'altra volata trionfale battendo Nizzolo.

Fantastico Matteo Pelucchi, l'uomo del momento del ciclismo italiano. Il corridore di Rogeno si è infatti preso la ribalta grazie alla doppietta messa a segno al Giro di Polonia.

Martedì la vittoria nella seconda tappa, la Zawiercie-Katowice (166 km), grazie a uno sprint regale: Pelucchi, partito ai 500 metri dal traguardo grazie al lavoro di un compagno, è stato risucchiato dal gruppo ma è poi stato capace di trovare un "buco" impossibile tra Nizzolo e il belga Van Asbroeck, regolati proprio sulla linea dell'arrivo.

Il bis è arrivato dopo il successo del giorno prima, quando Matteo si è aggiudicato la Czestochowa-Dabrowa Gornicza di 146 chilometri, togliendosi lo sfizio di battere in volata un asso come il tedesco Marcel Kittel. In quell'occasione, Pelucchi è stato bravo a evitare la caduta che ai 200 metri dal traguardo ha coinvolto una trentina di corridori e si è prodotto in una strepitosa progressione all'esterno del rettilineo conclusivo.

«Sono molto contento perché abbiamo trovato la concentrazione dopo la vittoria di ieri - ha spiegato Matteo sul sito ufficiale della Iam - Grande lavoro della squadra, mi hanno pilotato bene negli ultimi km. L'arrivo era in discesa e per questo sono uscito solo all'ultimo, anche se ho rischiato di rimanere chiuso. Non era facile, ma oggi abbiamo corso per vincere». Per lui, ora, si comincia a parlare di una possibile convocazione ai prossimi Campionati mondiali su strada.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento