menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tanti tifosi hanno raggiunto Levico Terme per sostenere il Lecco nella partita vinta in Trentino

Tanti tifosi hanno raggiunto Levico Terme per sostenere il Lecco nella partita vinta in Trentino

Calcio, Lecco fa sua Levico Terme e sogna: decidono Ronchi e Djibo

Secondo tempo da batticuore in Trentino: apre l'esterno scuola Milan, pareggia Tobanelli di testa, nel finale l'eurogol del terzino da fuori area. Salvezza diretta a quattro punti

Primo tempo - Bertolini schiera il consolidato 4-3-3 con il rientro dal primo minuto di Garofoli al centro della difesa, cui fa spazio l'ottimo Marcone. In attacco parte ancora dalla panchina Ronchi, al pari di Locatelli. Assente capitan Colombo causa attacco influenzale che ha colpito anche Cannataro, comunque regolarmente al suo posto. Il Levico, privo di quattro titolari, è schierato in maniera speculare da Mezzanotti
La partita è sin da subito molto agonistica: i trentini aggrediscono e non fanno mancare qualche intervento duro, ma il Lecco ribatte con la stessa moneta. La partita è molto 'sporca', in campo non si vedono occasioni vere anche se sono i padroni di casa a dare l'impressione di voler far male per primi. Nel frattempo, al 19'. Matic cade a terra, colpito alla caviglia destra, e lascia il posto a Ronchi. L'esterno scuola Milan porta, per caratteristiche, ad 'allungare' la squadra, trovando così qualche varco alle spalle della linea difensiva dei trentini. Niente di trascendentale, ma qualche miglioramento si vede sulla 'catena' di sinistra. L'unico dei portieri a dover sbrigare del lavoro è comunque Salvatori, che con un paio di parate sicure ferma i bollori dei locali.

La ripresa è completamente un'altra storia. Minuto numero quattro: Garofoli in verticale per Ronchi, che taglia molto bene dalla sinistra e anticipa Seveso con un 'tocco sotto' delizioso e preciso. Lecco in vantaggio, probabilmente oltre i suoi meriti. Mezzanotti opera un doppio cambio nei suoi, che provano varie soluzioni offensive ma senza costrutto: i blucelesti accorciano, si abbassano, non si schiacciano troppo e ripartono, peccando però d'imprecisione nell'ultimo passaggio. Nel frattempo entra Djibo per Meyergue, un'intuizione vincente di Bertolini. Come accaduto contro lo Scanzorosciate, prima della gioia arriva la delusione: al 18', con Garofoli fuori dal campo per un infortunio che lo costringe ad uscire (entra Marcone, ndr), Tessaro trova la testa di Tobanelli che fa 1-1. Sull'onda dell'entusiasmo il Levico spinge forte, ma lascia ghiotti spazi alle sue spalle. Al 24' Seveso si esalta su una gran giocata di Cannataro, ma a dieci dalla fine, dopo un salvataggio di Dejori su Osti (26'), non può molto sulla 'cannonata' mancina di Djibo, che converge dalla destra e scarica un sinistro rabbioso dal limite dell'area. Il tempo restante è, al solito, un'elogio alla sofferenza, con i miracoli di Salvatori (45') e Seveso (46') a tenere in equilibrio la gara. Alla fine esulta il Lecco, per la prima volta lontano dal "Rigamonti-Ceppi". E' un segnale? Non sarebbe il primo.

Guarda le foto di Levico Terme 1-2 Calcio Lecco 1912

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Attualità

Lecco, la zona arancione è in vista: si sbilancia anche Fontana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento