Sabato, 25 Settembre 2021
Sport Mandello del Lario

Mandellese nel Consiglio della Federazione nazionale di canottaggio: «Pronta a dare il mio contributo»

Elezione prestigiosa per Rossella Scola, presidente della Canottieri Moto Guzzi. Tra i suoi obiettivi: puntare sui giovani e rendere questo sport più inclusivo

«Il primo grande benefit di questa nomina, sarà la possibilità di poter conoscere da vicino le dinamiche che ruotano attorno al mondo del canottaggio. Da parte mia, portare in quel contesto nazionale la conoscenza del territorio con tutte le problematiche ad esso collegate, servirà ad una ulteriore crescita di questa disciplina sportiva». 

Con soddisfazione unita alla solarità che da sempre la contraddistingue, Rossella Scola presidente della Canottieri Moto Guzzi, esterna così le prime impressioni legate alla recente elezione nel Consiglio federale. Un week end, quello della scorsa settimana, nel quale presso Hilton Airport Hotel di Roma si è tenuta l’assemblea nazionale della Federazione canottaggio che ha rinnovato a Giuseppe Abbagnale la carica a guidare l’organismo nazionale per la durata del quadriennio 2021-2024.

Mandello 3-3-4

Il nuovo Consiglio annovera in “Quota società” le regioni di Lazio, Abruzzo, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Sicilia e Lombardia con i rappresentanti Fabrizio Quaglino e la mandellese Rossella Scola. Una neo eletta a portare la storia del canottaggio locale in sede nazionale. Un passaggio quasi naturale per una figlia d’arte.

Basket, incognita covid: il Mandello rinuncia alla prossima Serie C Silver

Il padre, Umberto, iniziò l’attività remiera nel 1964. Già, due anni dopo si mise in luce vincendo a La Spezia la nazionale in jole a due. Poi una carriera sempre in crescendo a livello internazionale con la stampa che lo ha definito “un grande campione di modestia e lealtà, apprezzato dai compagni di voga e dirigenti”. Ed oggi come ha reagito Umberto Scola alla prestigiosa nomina della figlia nel Consiglio federale? «Papà è rimasto incredulo e felice - risponde Rossella - Da quando mi occupo di canottaggio mi ha sempre appoggiata e sostenuta. Come in questa ultima scelta, di cui l’obiettivo non è mai di carattere personale, ma va oltre».

"Cake Star", pasticceria mandellese vince la sfida in Tv su Real Time

La presidente della Canottieri Moto Guzzi eletta nel marzo 2019 ha le idee ben chiare su come operare: puntare l’obiettivo atletico, sportivo e umano sui giovani, le nuove generazioni che raccoglieranno il testimone di chi ha scritto la storia di questa disciplina remiera a livello mondiale. E aprire, come già Scola sta portando avanti con successo, la pratica remiera alla disabilità. Rendere questo sport inclusivo sempre più a quelle persone a cui la vita ha dato delle limitazioni.

L’impegno di Rossella Scola nel portare avanti il suo “credo” sportivo e gestionale è stato apprezzato anche dal Presidente Giuseppe Abbagnale. L’ex canottiere vincitore di due titoli olimpici e sette mondiali visitando la sede del sodalizio mandellese in occasione di novant’anni di vita, ha potuto vedere e toccare con mano queste realtà, oggi affidate alla guida della Scola, che senza ombra di dubbi saprà raggiungere gli obiettivi. Buon sangue non mente. (Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mandellese nel Consiglio della Federazione nazionale di canottaggio: «Pronta a dare il mio contributo»

LeccoToday è in caricamento