menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nibbiono e Oggiono, due paesi in festa per la promozione in Serie D

La squadra guidata da Giuseppe Commisso, vincendo 4-3 sul campo del Caprino, ha ottenuto la matematica promozione nel massimo campionato nazionale dilettanti, coronando in anticipo una stagione superlativa

Un traguardo a lungo inseguito, sfuggito per due anni di seguito ai play-off e ora, finalmente, raggiunto: il NibionnOggiono è in Serie D. La squadra guidata da Giuseppe Commisso, vincendo 4-3 sul campo del Caprino, ha infatti ottenuto la matematica promozione in quarta serie a due giornate dal termine del campionato, chiudendo una stagione trionfale, iniziata sotto i migliori auspici e proseguita alla grande.

Decisive, sul campo avverso, le tre reti di Mattia Iori, capocannoniere con 21 gol messi a segno, e la quarta di Mattia Bovis: sarebbe bastato un punto a capitan Isella (14 reti in campionato) e compagni, che invece hanno preferito fare le cose in grande, coronando nel miglior modo possibile la lunga cavalcata trionfale.

Il Lecco è promosso in Serie C: festa in città

La squadra nata anni tre fa dalla fusione di GalbiateseOggiono e Nibionno ha stravinto il campionato, arri 66 punti dopo 28 giornate, frutto di 20 vittorie, 6 pareggi e 2 sconfitte. Un ruolino devastante che li ha portati ad avere nove punti di vantaggio a due giornate dal termine. Il NibionnOggiono vanta nettamente il migliore attacco del campionato con 68 reti, 2,4 di media a incontro, e la migliore difesa con solo 17 reti al passivo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento