Sport

Mandello, Noseda ha una pazza idea: "Attraverserò l'Atlantico su una Star"

Il velista mandellese pronto per realizzare una grande impresa

Dario Noseda

«Affronterò la noia parlando da solo, ma senza esagerare, altrimenti diventa una cosa da pazzi».

Lo è già, una cosa da pazzi: traversare l’Atlantico in solitaria a bordo di una Star, l’ex classe olimpica. Una barca lunga poco meno di sette metri e larga un metro e mezzo. Un puntino microscopico in uno specchio d’acqua di 106 milioni di chilometri quadrati. La classica goccia nell’oceano.

Il sogno di Dario Noseda, velista di Mandello del Lario (Lecco), è decisamente più ambizioso della media. «L’idea è nata circa tre anni e mezzo fa – racconta – Attraversare l’Atlantico è nei pensieri di ogni velista, ma io voglio provarci con una barca mai utilizzata prima e navigare contro me stesso, mettermi alla prova alla soglia dei cinquant’anni».

Da Tenerife a Nassau, 8.000 km nel nulla

La partenza avverrà il prossimo 22 ottobre, a Cadice. Da lì lo attenderanno 45 ore di navigazione sino a Tenerife. Intorno al 5 novembre, sfruttando la prima finestra meteo favorevole, Noseda farà rotta verso le Bahamas, destinazione finale Nassau. Il viaggio è stimato in circa 25 giorni, per giungere in porto – dopo circa 8.000 chilometri – durante la regata della Star Sailor League che vedrà partecipare campioni della vela del calibro di Torben Grael e Paul Cayard. Noseda, da navigato velista, la fa semplice, quasi fosse un itinerario in autostrada: «Passerò piuttosto in alto, sfruttando le correnti da Nord Est, per incontrare un clima più mite ed evitare le secche dei Caraibi. Se finisco basso, il viaggio potrebbe allungarsi di giorni e giorni».

Leggi l'articolo completo su www.leccochannelnews.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mandello, Noseda ha una pazza idea: "Attraverserò l'Atlantico su una Star"

LeccoToday è in caricamento