menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

NP Olginate Gordon niente da fare contro Gazzada che vince 65 a 59

Olginate si presenta in terra varesina orfana per la seconda giornata del suo leader Coach Tritto che viene sostituito dal Capitano Luca Casati chiamato a compiere il doppio ruolo giocatore/allenatore e perde una partita nella seconda frazion

 7 Laghi Gazzada - Npo Gordon Olginate: 65 – 59 (17-16; 35-25; 51-44)

7 Laghi Gazzada: Passerini 5, Spertini (K) 15, Terzaghi 13, Antonini 16, Moraghi 5, Garavaglia ne, Biganzoli 4, Moalli, Bertoglio 4, Fedrigo 3. All. Garbosi Fabrizio

Npo Gordon Olginate: Zambelli 11, Penci 5, Verlato, Tavola 4, Casati Luca ( K ) 1, Lanzani, Beretta , Riva 18, Casati Andrea 6, Casati Simone 14. All. Casati Luca (K)

Arbitri: Sig.ra Mignogna Cristina di Milano; Sig. Magri’ Luca Francesco di Milano

Olginate si presenta in terra varesina orfana per la seconda giornata del suo leader Coach Tritto che viene sostituito dal Capitano Luca Casati chiamato a compiere il doppio ruolo giocatore/allenatore e perde una partita nella seconda frazione quando, il miglior rimbalzista del campionato Moraghi domina nel pitturato lecchese catturando ben 7 rimbalzi per altrettanti extrapossessi che Spertini e Antonini sfruttano al meglio tirando da tre con il 51%.

Nonostante il pesante break ed un misero 23% al tiro da 3 e il 37% dal campo Olginate riesce a rientrare sino al -2 del 38’ per poi vedersi sfilare di mano le ultime opportunità e perdere in volata.  Gazzada lascia in panchina l’ultimo rinforzo Bertoglio e schiera Passerini, Spertini, Terzaghi, Antonini, Moraghi mentre Olginate si affida ai soliti Zambelli, Andrea Casati, Simone Casati, Beretta e Riva che, nonostante lo stop in settimana decide di sacrificarsi e pur dolorante scende in campo.

Si parte con le due squadre aggressive e alla prima giocata Gazzada commette infrazione di 24" senza andare al tiro a cui rispondono Andrea Casati e Riva con due ottimi canestri in penetrazione. NPO si aspetta la risposta dal temuto Terzaghi (oggi decisamente sottotono con 2/12 al tiro) ed invece si presenta uno Spertini in formato extralusso che con un 3/3 da oltre l’arco e ben 12 punti nel 1 quarto tiene a galla i suoi. Olginate reagisce colpo su colpo e grazie a un preciso Riva (7 punti nei primi 7’) si arriva al riposo sul 17-16 e la partita e’ impreziosita da ottime giocate da ambo le parti.

Nel secondo quarto iniziano le rotazioni e Olginate perde la strada del canestro con Gazzada che non ne approfitta e per ben 3 minuti i soli punti a referto sono due liberi di Passerini per un misero 19-16. Passano altri 3 minuti e la sterilita’ realizzativa continua ed il tabellone segna 24-18. A questo punto Moraghi diventa padrone assoluto del pitturato lecchese e in pochi minuti cattura ogni rimbalzo offrendo extrapossessi che Antonini e Spertini capitalizzano da ogni dove portandosi sul +10 per il 35-25 di metà partita.

Nel frattempo dobbiamo evidenziare che un dolorante Riva al 14’ sembra dover abdicare e si siede in panchina anche gravato di 3 falli, mentre il vantaggio dei giallo – blu e’ maturato grazie ad un dominio a rimbalzo e ad un eloquente 47% da 3 contro 17% NPO (2 / 12).

Nel terzo periodo NPO torna a giocare con continuità ma Gazzada non sta a guardare e con un arrembante Antonini respinge ogni tentativo di riavvicinamento e al 28’ il distacco oscilla sempre dai 7 ai 9 punti sino a quando Fedrigo realizza per il massimo vantaggio 49-38 a cui risponde Tavola con 4/4 dalla lunetta e con l’ultimo canestro di Zambelli si arriva alla sirena della terza frazione su un incoraggiante 51-44 .

Olginate decide di giocarsi il tutto per tutto, allunga la difesa e alla prima azioni Penci si fa trovare pronto e segna frontalmente da 3 ed ufficialmente il match e’ riaperto sul punteggio di 51-47 e 9’ da giocare. Ma proprio sul più bello, quando Terzaghi continua a sbagliare e Gazzada segna solo 1 punto in 4’ Olginate viene fermata per ben 3 azioni consecutive con falli che la mandano in bonus in un amen facendogli perdere soprattutto quell’inerzia che stava girando a proprio favore e al 35’ si e’ sul 55-52. Falli che portano costantemente Terzaghi in lunetta (7/10 per lui). Ma NPO Gordon non demorde e quando Zambelli a 85” dalla fine mette la sua bomba per il 59-57 i locali tremano e temono la beffa.  

Gli ultimi possessi sono concitati dove NPO manca per ben 3 azioni l’aggancio mentre Gazzada va in lunetta e seppur realizzando solo un 3/6 riesce a portarsi a distanza di sicurezza (+5) obbligando i lecchesi a tiri forzati che non vanno. Olginate rimane con l’amaro in bocca per una partita persa sul fil di lana contro una formazione di testa con la consapevolezza che non si puo’ vincere con un 37% dal campo e tirando 13 tiri liberi contro 35 degli avversari. La nota positiva che finalmente la percentuale ai liberi e’ stata ottima con 12/13 – 92%

Così lo squalificato Coach Tritto a fine partita: “Abbiamo cominciato bene, poi abbiamo preso un break causato dalle nostre disattenzioni, alla fine abbiamo avuto un paio di azioni per impattare ma non siamo stati bravi a concretizzarle. Avevamo Riva non al meglio e la nostra inesperienza e cattive percentuali al tiro hanno fatto il resto”

Per il 12° turno di campionato NPO Gordon dovrà scontare la seconda e ultima giornata di squalifica del proprio campo e quindi l’incontro con la lanciatissima Pallacanestro MILANO 3 si disputerà al PalaCremonesi di CREMA – Via Pandino,23 alle ore 18,00. Un motivo in più per supportare i ragazzi NPO in una partita che si preannuncia bellissima e molto intensa dove entrambe le formazioni non vorranno lasciare nulla di intentato per aggiudicarsi i due punti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento