menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

l'NPO Olginate Gordon vince contro tutto e tutti e batte Lissone 63 a 56

Nonostante la squalifica di coach Tritto e costritti a giocare in campo neutro l'NPO Olginate Gordon vince meritatamente contro Lissone.

NPO Gordon Olginate – Cocoon Lissone: 63 - 56 (19-12; 44-30; 55-46)

NPO Gordon Olginate: Zambelli 17, Penci, Verlato 2, Tavola 5, Casati Luca ( K ) 4, Lanzani2, Beretta 3, Riva 4, Casati Andrea 9, Casati Simone 17, All. Casati Luca (K)

Cocoon Lissone: Diecidue ne, Ballarate 2, Collini 6, Donadoni 2, Meroni 7, Formentini (K) 9, Cacciani 9, Danelutti 8, Ruzzon 3, Squarcina 10, All. Mazzali Massimiliano

Arbitri: Sig Sironi Matteo di Milano; Sig. Colucci Lorenzo di Olgiate Comasco (CO)

Dopo la squalifica del proprio campo, NPO GORDON si presenta sul campo neutro del PalaBasiglio di Milano 3 per dimenticare velocemente quanto accaduto in settimana e purtroppo lo deve fare con le ossa rotte in quanto Coach Tritto e’ squalificato e pertanto Luca Casati si siede in panchina nelle veste di capitano / allenatore, Matteo Beretta ha ancora i punti di sutura in ricordo della battaglia di Manerbio, Ivan Riva e Andrea Casati sono sotto terapia per problemi alle ginacchia e non al meglio della condizione.

Ma soprattutto GORDON NPO deve confrontarsi contro i brianzoli in gran forma, secondi in classifica e reduci da 5 vittorie  consecutive che l’hanno rilanciata tra le protagoniste e favorite del campionato. Al via sul parquet troviamo, Zambelli, Andrea Casati, Simone Casati, Riva, Beretta per NPO e Meroni, Ballarate, Cacciani, Danelutti e Squarcina per Lissone.

Partenza contratta per entrambe le squadre che sbagliano molto e si fronteggiano con molta concentrazione, Andrea Casati segna 4 punti consecutivi per il primo vantaggio impattato dalla tripla di Meroni per il 7-7 del 5'. Il match si accende è l'altro Casati il Simone che bombarda da 3 per il break di 8-0 (10 punti per lui nel primo quarto) con Coach Mazzali che chiama Time out. Si rientra ma l’inerzia della partita non cambia anzi il tiro in sospensione di Andrea Casati fissa un 19-12 al termine della prima frazione che la dice lunga su quanto siano concentrati i bianco blu della GORDON.

Lissone inizia la seconda frazione schierandosi a zona e Tavola la perfora al prima tentativo ben imitato dalla inisuale bomba di un determinato Beretta intervallata dall’esecuzione di Ruzzon da 3 per il 24-15 I lecchesi continuano ad essere in palla nonostante Riva stia litigando col ferro mentre Lissone non riesce a trovare i meccanismi più congeniali al loro gioco offensivo in quanto Cacciani e Ballarate sono ottimamente controllati.

Collini dopo aver subito una gran stoppata da Beretta segna e a questo punto uno scatenato Simone Casati decide di segnare alla sua maniera ovvero da 10 metri e si vola sul 30-21 ma nella ripartenza commette il 3 fallo che lo mette a riposo..Verlato entra e segna un gran canestro in penetrazione per il per del 32-21 al 17'.

La partita diventa entusiasmante, Formentini segna da 3 accorciando e Squarcina dalla lunetta si rifanno sotto ed il solito Zambelli ristabilisce tutto siglando due ottime bombe e si torna al +11. Vantaggio che si dilata ulteriormente quando Andrea Casati e Luca Casati (che abbndona le vesti di allenatore) segnano si tocca il massimo vantaggio dell’incontro sul 42-28 per poi assistere finalmente al primo centro di Riva che manda tutti al riposo lungo sul 44-30.

Lissone spinge sull’accelleratore, Coach Mazzali ordina ai suoi un costante gioco su Cacciani che, seppur ben marcato da Verlato, si avvantaggia sotto canestro grazie al suo divario di centimetri e mette a segno 4 punti e accumula falli a favore. GORDON NPO mantiene la calma, al 25’ e’ ancora avanti +14. Ma la sfortuna di questi ultimi tempi viaggia al fianco dei lecchesi e Riva nel tentativo di catturare un rimbalzo in attacco ricade sul piede di Squarcin, distorsione alla caviglia e la sua partita si conclude qui con ancora 15’ da giocare.

Con l’uscita di Riva Olginate paga ulteriormente centimetri su tutti gli accoppiamenti ma non molla e difende con i denti il vantaggio del 50-37 grazie a ottime soluzioni di Zambelli e con rimbalzi in attacco della coppia Andrea Casati - Beretta che offrono extra possessi. Tavola porta un prezioso contributo con una pesante tripla mentre anche la situazione falli diventa problematica e al 6’ NPO e’ gia’ in bonus mentre gli avversari sono ancora a 0. Ma in questa delicata fase di gioco i brianzoli non macinano in attacco e non hanno il solito contributo dal cecchino Ballarate (soli 2 punti alla fine per lui) che non riesce a svincolarsi dall’attenta marcatura di Andrea Casati che lo obbliga a tiri difficili e forzati.

Lissone perservera con la difesa a zona e riesce a rallentare la verve lecchese che continua avere Riva e Simone Casati in panchina riuscendo a limare lo svantaggio proprio sulla sirena grazie ad una buona conclusione di Cacciani per il 55-46.
Mentre sugli spalti Coach Tritto sembra un grillo indemoniato che salta da un gradone all’altro, l'inedito Coach Luca Casati schiera 4 piccoli ed il solo Beretta (17 rimbalzi per lui) e deve rinunciare anche ad Andrea Casati per il dolore al ginocchio ha bisogno dei cure e un break di riposo.

Le squadre sanno di giocarsi il tutto nell’avvio dell’ultimo quarto e lo fanno sparacchiando da ogni posizione senza mai bucare la retina e per il primo centro dobbiamo attendere ben 3’ con il canestro di Lanzani lanciato in contropiede, Coach Mazzali chiama Time Out ma al 5’ si e’ su un misero 2-4 per Lissone e 57-50 per NPO. Finalmente si rivede Simone Casati in campo ma la lunga pausa in panchina l’ha raffreddato e non riesce piu’ ad incidere come in avvio.

La partita potrebbe riaprirsi quanto Danelutti si trova la palla in mano sotto canestro solo soletto ma sbaglia goffamente (poteva essere il -5), sul ribaltamento uno stoico Luca Casati gestisce una pesantissima palla concludendo dalla distanza per il +9 (secondo canestro di squadra per NPO nel quarto) e ridando fiducia ai suoi che dopo il canestro di Squarcina anche Zambelli non ha paura e spara in faccia al suo avversario una bomba mortifera del 62-52 con 3’ e 22” da giocare ma con Lissone che paga il colpo e cala il proprio ritmo giocando solo per la differenza canestra e non incide piu’. NPO controlla il gioco, lo fa con tranquillita’ e si aggiudica un incontro che vale oro per la classifica, morale e ancora una volta conferma di potersela giocare con chiunque ma soprattutto regala la prima gioia al nuovo sponsor GORDON che per la prima volta e’ apparso sulle maglie.

Così lo squalificato Coach Tritto a fine partita: “Stare in tribuna e’ una cosa bruttissima perche’ non puoi intervenire nei momenti giusti. I ragazzi hanno fatto una grande partita soprattutto nel primo tempo, poi nel 3 quarto gli infortuni e i falli ci hanno limitato, ma l’esito dell’incontro non e’ mai stata in discussione e questa grande partita ci da’ morale e fiducia soprattutto in questo momento della stagione in cui abbiamo tanti acciacchi fisici. Adesso dobbiamo mettere la testa solo sul nostro lavoro e dimenticare i fatti esterni al basket giocato per poter affrontare al meglio la lanciatissima Gazzada”

Prossimo appuntamento Per NPO GORDON OLGINATE sara’ sabato 6 Dicembre a Varese contro Gazzada.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento