menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una scoppiettante NPO Gordon Olginate strapazza Opera 86 a 54

Ancora una vittoria dell' NPO Gordon Olginate al PalaBasiglio dove, dopo aver vinto contro Lissone, ieri, domenica 28 dicembre, strappa un'altra importante vittoria contro Opera.

Delta Line Opera - NPO Gordon Olginate: 54 – 86 (6-23; 22-51; 36-71)

Delta Line Opera: Capellari 4; Frigerio 1; Colombo 2, Sacca 9, Biganzoli 10, Scartezzini 9, Spirolazzi 6, Preli 2, Daverio, Fusella 11. All. Angeretti Cesare

NPO Gordon Olginate: Zambelli 15 , Penci 2, Verlato 5, Tavol 10, Casati Luca ( K ), Lanzani 5, Beretta, Riva 7, Casati Andrea 15, Casati Simone 27. All. Tritto Antonio

Arbitri: Sig. Bettini Pietro di Milano; Sig. Pugliatti Paride di Seregno (MI)

A NPO Gordon Olginate piace giocare al PalaBasiglio (qui aveva vinto anche contro Lissone) e si vede, in 10’ chiude la partita con un perentorio 6-23 costruito su una grandissima difesa e con ottima circolazione di palla in attacco riuscendo a portare al tiro sempre un uomo libero. Opera, frastornata dal gioco spumeggiante dei lecchesi, mette a segno solo 5 centri dal campo nei primi 20 minuti.

Cronaca: NPO parte contratta e va sotto 4-0 ma appena si sveglia sono dolori per i milanesi e la coppia Simone Casati – Zambelli mettono a segno un 10-0 prima per poi trovarsi sul 4-16 dopo solo 4’. Nei successivi 4 minuti non segna più nessuno e i grigi salgono in cattedra fischiando ben 5 falli in attacco per blocco irregolare di cui 2 a Riva e altrettanti a Beretta e la Gordon’s band è già senza i suoi lunghi titolari che, devono sedersi in panchina. A questo punto ci pensa Andrea Casati ad accelerare allungando ancora per il +17 (6-23)

La seconda frazione si apre con Simone Casati da 3 che manda un segnale pesante ali avversari, sempre più all’angolo per poi vacillare definitivamente quando, Tavola prima e Andrea Casati poi, mettono a segno un altro terrificante break per il + 25 (8-33) e siamo solo al 13’. Unico neo, NPO è già in bonus e Opera grazie ai liberi non sprofonda ulteriormente.

Iniziano le rotazioni e si mettono in evidenza i giovani talentuosi Verlato e Lanzani capaci  di realizzare ottimi canestri ma soprattutto hanno il merito di non allentare l’intensità difensiva della squadra mantenendo il divario costantemente sopra i 25 punti sino a quando Simone Casati realizza l’ennesima tripla del 21-51 (4/4 da tre per lui e 20 punti nel primo tempo). Al riposo lungo il tabellone segna 22 – 51.

Si apre la terza frazione ed NPO non allenta la propria concentrazione e con grande circolazione di palla arriva la tripla da manuale di Riva. Fusella risponde ma le tre azioni successive sono da applauso con Simone Casati che segna e poi duetta con l’altro Casati “Cash” che gli offre un assist favoloso e il divario aumenta andando sul 24-58 dopo solo 2’ del quarto.  La partita continua sotto l’impronta NPO, capace di mettere in campo una difesa asfissiante mentre in attacco non sbaglia nulla e sull’ennesima bomba Zambelli scava il +35 e la sirena registra un 35-71 e pur mancando ancora una frazione il risultato è già sentenziato.

NPO onora l’ultima frazione con la consapevolezza di aver chiuso un anno storico per la societa’, in cui si e’ aggiudicata la promozione in Serie C e chiudendo il girone di andata a pochi passi dalla vetta del campionato ed un cammino da squadra di rango.

A livello statistico si registra il roboante 61% al tiro da 3 e con: Casati Simone autore di 27 punti (T2 6/10, T3 5/6) 23 di valutazione, Casati Andrea 15 punti (T2 4/7, T3 2/3, 8 rimbalzi) 20 di valutazione, Zambelli 15 punti (T3 5/7, 6 rimbalzi) 20 di valutazione

Così Coach Tritto a fine partita: “Venivamo da una brutta prestazione e dovevamo dimostrare a noi stessi di essere una squadra che da agosto lavora duramente, che si sacrifica e che quando va in campo mette tutto e qualcosa in più. Questa sera tutti i ragazzi hanno risposto presente, abbiamo mosso bene la palla con ottime rotazioni sapendo punire ogni loro errore e trovando sempre ottimi tiri. Abbiamo quindi chiuso benissimo il girone di andata con 8 vinte e 6 perse di cui 4 entro i 5 punti. Adesso avremo qualche giorno di riposo e poi ci prepareremo al derby con Calolzio e come dissi a settembre – non c’e’ partita migliore per iniziare il campionato, oggi dico non c’è partita migliore per iniziare il nuovo anno. Mi auguro solo che ci sia la giusta cornice di pubblico ”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento