menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

NP Olginate inarrestabile sbanca Piadena per 72 a 65

NPO torna dall lunga trasferta di Piadena con i due punti che, in attesa della partita di Opera, la confermano al secondo posto in classifica in coabitazione con i varesini di Gazzada, ma soprattutto con la consapevolezza di di essere un avversario temibile per molti.

MG K Piadena - NP Olginate: 65 – 72 (17-24; 36-41; 55-56)

MG K Piadena:
Malagutti 14, Bigot ne, Cacciavillani 7, Toninelli ne, Mascadri 18, Lottici 4, Carrara 2, Olivieri 10, Cocchi 4, Marenzi 6,
All. Mazzali Marco

NP Olginate: Zambelli 2, Penci4, Verlato 2, Tavola, Casati Luca ( K ) 2, Lanzani 4, Beretta 9, Riva 17, Casati Andrea 13, Casati Simone 19, All. Tritto Antonio

Arbitri: Sig Pugliatti Paride di Seregno (MI); Bettini Pietro di Milano

Olginate dopo l’ottima partenza e’ riuscita ad accumulare e a mantenere a lungo un vantaggio di 10 punti riuscendo a reagire con carattere nell’unico momento in cui Piadena e’stata capace di mettere la testa avanti al 34’ per poi chiudere l’incontro a 32” con la tripla di Simone Casati per il +5.

NPO si schiera con Zambelli, Andrea Casati, Simone Casati, Riva, Beretta contrapponendosi a Mascadri, Cacciavillani, Lottici, Carrara, Olivieri. Al canestro in apertura di Olivieri e’ Simone Casati che brucia la retina due volte portando i suoi sul 2-5 a cui risponde Mascadri da 3 ma nei due successivi e’ Andrea Casati che va a segno per due volte per il 5-9 e dando il via al predominio lecchese che al 6’ registra un eloquente 6-15 con Riva che entra in prepotentemente in scena. Coach Mazzali chiama time out, fuori Cacciavillani e dentro il velocissimo Malagutti che innesca subito i suoi con maggior velocita’ e il risultato e’ immediato quando all’8’ accorciano lo svantaggio sul 15-18 capitalizzando la forza fisica di Olivieri. La risposta e’ immediata e Zambelli in versione assist-man innesca Riva e i fratelli Luca e Andrea Casati per il nuovo allungo chiudendo la frazione sul 17-24.

Nella seconda frazione i locali aumentano la pressione difensiva e per 2’ minuti in campo regna la confusione sino a quando Riva impone la sua prestanza (17 punti e 8 rimbalzi e 18 di valutazione per lui) imitato da un prezioso Penci che sigla il max vantaggio del +11 (17-28). Si procede con il consistente vantaggio di 10 punti sino al 18’ quando Mascadri (18 punti per lui) riporta i suoi sul 29-31 a cui risponde il determinato Lanzani con una bomba e Verlato con due rimbalzi offensivi per cosi’ chiudere il 1 tempo in vantaggio sul 36-41 e andare al riposo lungo con un po’ di respiro.

Nel terzo periodo Olginate risponde bene ad ogni cambio tattico di Piadena (che si schiera a zona) e al 5’ conduce ancora sul 44-53 ottimizzando al meglio il lavoro monumentale di Beretta che contiene Olivieri e che che zitto zitto accumula rimbalzi su rimbalzi. A questo punto NPO si blocca in attacco per 3’ e Piadena sulla tripla di Mascadri sigla un pesante 8-0 per il 52-53 a cui Riva risponde con un perfetto centro da oltre l’arco ma la partita e’ riaperta e alla terza sirena il tabellone segna un 55-56.

Per 5 lunghissimi minuti la partita e’ in equilibrio in quanto le squadre segnano pochissimo e con un 4-4 si entra nella parte calda sul 59-60 e con Marenzi che centra l’unico sorpasso della partita per i suoi. In casa NPO si teme il crollo emotivo ma ci pensa Andrea Casati a mettere a segno 4 punti (13 punti, 7 rimbalzi e 8 falli subiti per un 23 di valutazione per lui) che ristabilizza i suoi. Malagutti non ci sta e con un tiro sotto pressione inventa una carambola che inaspettatamente si appoggia al tabellone per il 64 pari e siamo a 74” dalla sirena.

Coach Tritto chiama time-out per organizzare gli ultimi assalti. Riva mette il suo fisico e gli avversari per fermarlo devono fare fallo, Ivan freddissimo dalla lunetta fa 2/2. Piadena contro time-out, alla ripresa Mascadri pasticcia perde palla e Simone Casati (19 punti e 3/7 da 3) si fa perdonare di alcuni errori fatti in precedenza tenendo palla e andando a colpire da 8 metri con un tiro impossibile per il +5 a 32” chiudendo la partita in quanto Lottici sul ribaltamento forza un tiraccio dalla lunghissima offrendo la palla ad Olginate che si aggiudica, seppur con qualche affanno nel finale, una meritata vittoria che vale oro per la classifica e morale.
Prossimo turno si torna al PalaRavasio contro Cantu’ nella giornata festiva del 2 novembre

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento