Giulia Passini si conferma Campionessa regionale giovanile Boulder

Entusiasti gli istruttori: «Ha trionfato al termine di una gara dalla difficoltà mai vista prima»

Il podio di Brescia con Giulia Passini al centro

Dominatrice fra le U14 lombarde sia nel Boulder che nella Lead, Giulia Passini, come molti atleti della squadra dei Ragni, avrebbe dovuto strappare con tanta volontà il pass per i Campionati Italiani, visto il passaggio nella categoria U16, la prima nella quale si può anche partecipare alle gare senior nazionali. E, invece, la giovanissima atleta dei Ragni di Lecco è andata oltre qualunque ottimistica previsione, non solo sua.

Al termine della seconda gara di qualificazione per i campionati italiani giovanili, specialità Boulder, Giulia Passini si è laureata Campionessa Regionale U16f, all'esordio nella categoria e in maniera davvero clamorosa e impronosticabile. Terza a Milano a inizio dicembre, l'arrampicatrice ha vinto a Brescia nella più dura gara mai organizzata in Lombardia non solo a livello giovanile. Una prestazione superba, che per la squadra lecchese è diventata trionfo grazie anche al secondo posto di Valentina Arnoldi, sempre nella U16f, al secondo di Juri Villa, U16m e anche lui all'esordio in categoria, e al secondo di Anna Aldè, U20f. Ottime anche le prestazioni di Vera Missaglia, quinta, e Francesco Locatelli, sesto; buone, più in generale, quelle di tutti gli altri atleti, che hanno battagliato su problemi da livello senior di semifinale Coppa Italia con una resilienza davvero encomiabile

«Una vittoria memorabile, superato lo sconforto per una prova mai vista»

«La vittoria di Giulia è qualcosa di memorabile e sicuramente è un risultato che conferma certe sensazioni, ovvero che si può pensare ad obiettivi nazionali difficili, ma non impossibili. E così anche per Juri e Anna. Valentina e Giulia Rosa già hanno fatto un'ottima stagione di Coppa Italia Lead e hanno affiancato Beatrice Colli nel gareggiare ad alti livelli, inoltre abbiamo parecchi maschi che possono fare lo stesso. Quella di Brescia è stata una gara spartiacque, un qualcosa che non era mai avvenuto prima: una prova con Boulder di semifinale di Coppa Italia assoluta, o semifinale di Coppa Europa giovanile. Molte squadre e atleti ne sono stati annientati, i nostri hanno superato sconforto e difficoltà che sembravano ben oltre lo standard con una tenacia e con dei finali clamorosi. Siamo entusiasti e non ci resta che proseguire su una strada che epr loro è certamente molto impegnativa ma che hanno abbracciato con gioia», commentano festanti gli istruttori dei Ragni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga fa felici due lecchesi: due Mini in regalo, i numeri vincenti

  • La terra trema: in serata terremoto rilevato nel territorio di Ello

  • Individuato l'uomo che punta i pedoni con l'auto come in un "folle gioco"

  • Offerte di lavoro, Sport Specialist assume personale nel Lecchese: come candidarsi

  • Tragedia a Osnago: attraversa i binari e muore sotto il treno

  • Barzio: tragedia sullo Zucco Angelone, arrampicatore cade durante la scalata e perde la vita

Torna su
LeccoToday è in caricamento