La carica dei duemila per la seconda Polimirun Winter: nel fine settimana si corre per Lecco

La manifestazione podistica è sponsorizzata da Adidas Terrex, partner del Politecnico di Milano per tutte le iniziative di questo genere. Esauriti i pettorali, modificato il percorso di gara

Dieci chilometri scarsi, duecentocinquanta metri di dislivello positivo, asfalto, ciottolato, sterrato, passaggi su Caldone e Gerenzone, paesaggi suggestivi. Sono gli ingredienti tecnici della seconda Polimirun Winter, che si ripresenta ai nastri di partenza con alcuni rinnovamenti e l'etichetta "sold out" ben affissa sulle iscrizioni, chiuse in sole tre giorni. La corsa autunnale organizzata dall'Ateneo nasce dal grande successo della versione primaverile, in grado di mettere in strada a Milano quindicimila euro e raccogliere centocinquantamila euro; domenica 17 novembre studenti, dipendenti, laureati e cittadini taglieranno, invece, il traguardo di via Previati.

Il ricavato delle iscrizioni contribuirà alla realizzazione del nuovo Campus di Architettura del Politecnico di Milano, progetto nato da un'idea e con la partecipazione di Renzo Piano, che mira a costruire una nuova porzione della città di Milano con spazi di studio e lavoro dedicati agli studenti dell'Ateneo e a tutti i cittadini. In pochi giorni è stato toccato il tetto dei venticinquemila euro da raccogliere attraverso le iscrizioni. Annunciata anche la collaborazione con Discoradio, che animerà l'evento con musica e programma d'intrattenimento per atleti e pubblico.

Nuovi laureati al Politecnico: venerdì la proclamazione di ventotto dottori magistrali

«Probabilmente sarà anche questa un'edizione bagnata, sarebbe la seconda volta su due - annuncia la prof.ssa Grecchi -. Per quanto riguarda la corsa, è bene dire che i ragazzi arrivano spesso da Milano per correre e questa è un'occasione per far conoscere loro Lecco. Politecnico investe tanto sullo sport e questa è un'iniziativa che rientra in questo tipo di ambito e volonta».

Il nuovo percorso della Polimirun Winter 2019

Il percorso si presenta più scorrevole e meno impegnativo dal punto di vista tecnico: ci s'infila in stradine, sentieri e mulattiere e dislocate per le varie zone della città. La corsa quest'anno è "dedicata" al Gerenzone passando per Rancio, Malavedo e Cereda, inoltre ci sono angoli della città da riscoprire, seguendo il progetto che il Politecnico ha con il Comune volto al recupero di aree dismesse. Particoalemente spettacolare è il passaggio all'Artiglio del Diavolo, ponte che si trova nella zona boschiva. Cancellato il giro all'interno del Politecnico per evitare le scivolate sul pavimento. La Polimirum, vadetto, è il più grande evento sportivo universitario del mondo con i prossimi diciottomila di Milano  e vede la partecipazione del 28% di donne sul totale degli iscritti, numeri di assoluto rilievo; inoltre, sono circa 750 le persone che arrivano da fuori città.

percorso polimirun winter 2019-2

(Clicca la foto per il percorso in 3D)

Guardando ai dati dettagliati, il 48% degli iscritti (età media 29 anni) sono studenti, il 16% alumni (ex studente di una scuola, di un college o di un'università), il 5% dipendenti e il 31% inseriti sotto la categoria "altri". Il 20%, inoltre, è di nazionalità straniera.

«Ci sono tante gare di running in città - esordisce il sindaco Virginio Brivio -. Il Politecnico si conferma un luogo di aggregazione non solo per chi ci studia o lavora, questa iniziativa dimostra nei fatti che si va oltre la sola istruzione. C'è un percorso nuovo da affrontare, con una zona della città scelta in grado di esaltare la poliedricità di Lecco. L'auspicio è che questi numeri in più mantengano comunque gli standard di efficienza e sicurezza, sempre garantiti dall'organizzazione».

"Laboratorio Nervi" al Politecnico, Rossi: «Volano per ricerca e imprese»

Così l'assessore comunale allo sport Nigriello: «La Polimirun Winter è una gara veramente importante, perchè passiamo da 1300 a quasi duemila iscritti in un solo anno. I pettorali sono già finiti da tempo, già questo è un successo per una gara praticamente nuova sul territorio. E' importante che il Politecnico faccia queste iniziative, perchè questa è la casa dei giovani che a breve si butteranno sul mondo del lavoro; è una facoltà impegnativa, il parallelismo con lo sport è una cosa da sottolineare. Sono contento quando il professor Calvetti mi chiama per propormi qualcosa di nuovo da fare in città: ben venga l'aggiunta di nuove gare, io sono contento che si chiuda il lungolago per fare delle manifestazioni sportive visto il panorama che offre. Inoltre, si scoprono anche posti della città che sono quasi sconosicuti. Ci sono tanti giovani che arrivano dall'estero per studiare qui, il Politecnico ha una potenza di fuoco non indifferente».

Pietro Zarlenga parla della confermata partnership con Adidas Terrex, rinnovata anche formalmente proprio in questi giorni: «Mi sento di dire che siamo al primissimo atto di un'indimenticabile messa in scena. Abbiamo rinnovato poco fa la partnership con il Politecnico per tutte le attività sportive, tanto di bello è stato di fatto nei tre anni in cui abbiamo lavorato insieme ed era giusto proseguire. La Polimirun piace perchè ci mette a fianco del Politecnico e ci porta a tenere alto lo standard qualitativo e quantitativo di questa manifestazione. E' una gara cresciuta esponenzialmente, addirittura in maniera non fisiologica per quello che dicono i numeri. Ci piace pensare che la gente possa cambiare la propria vita attraverso lo sport». Il main sponsor garantirà una maglia Climalite, top di gamma della linea, a tutti i partecipanti.

Ahmed Al Mazoury per il ruolo di front-runner

Top runner della corsa sarà Ahmed Al Mazoury, atleta di Brivio che veste la maglia della nazionale italiana e che, da qualche tempo, sta provando i percorsi fuori strada. Reduce dai campionati europei di corsa campestre, è stato vincitore della Polimirun Spring 2019 con un netto distacco: «E' stato il dott. Zarlenga a propormi di correre questa gara, il fatto che si corra a Lecco mi fa sentire a casa. Ho avuto la fortuna e l'onore di provare il percorso, organizzato nei minimi particolari. Si tratta di un tracciato molto impegnativo e suggestivo per il panorama, non vedo l'ora di mettere il 4x4».

Dagli stadi ai treni, dai castelli ai robot: in tanti alla scoperta delle opere d'arte in Lego

A chiudere il canonico "giro" d'interventi è il professor Francesco Calvetti: «La manifestazione rientra tra le attività che stiamo sviluppando continunamente, questa è quella di maggior successo per i numeri che vengono realizzati. Lo sport è funzionale al raggiungimento di vari altri traguardi. Serve per far sentire a casa loro gli studenti fuorisede, anche, ma non serve solo per costruire una comunità; è importante che accompagni gli studenti durante il loro percorso scolastico e non li abbandoni dopo. Vogliamo che la nostra offerta aumenti poco per volta. Visto il tempo, certo, potremmo pensare di organizzare direttamente la Christmas Run a Natale... E' stato difficile convincere gli sponsor che oggi ci affiancano, qui non c'è la tipica mentalità anglosassone o americana legata allo sport». I partner della PolimiRun Winter 2019 sono: Atos, Bip, Deloitte, Microelettrica Scientifica, Modis, Mondial, Moviri e Penny Market.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

  • Tragico incidente sull'A9: morto Claudio Zara, Direttore Sanitario di Synlab San Nicolò Como e Lecco

  • Gli occhi della Prefettura sul "Cermenati": messi i sigilli con "un'antimafia" al bar del centro

  • Bimba nasce prematura in casa, intervento dei soccorsi a Vendrogno

  • Nuovo digitale terreste 2020: cosa cambia per gli utenti

Torna su
LeccoToday è in caricamento