menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La premiazione di Renato Caroli da parte della Figc.

La premiazione di Renato Caroli da parte della Figc.

Il presidente della Polisportiva Monte Marenzo premiato dalla Figc

Prestigioso riconoscimento per Renato Caroli: «Lo sport è scuola di vita. Ritiro il premio a nome di tutti coloro che lavorano volontariamente nei vari settori dell'associazione»

Importante riconoscimento per Renato Caroli. Il presidente della Polisportiva di Monte Marenzo ha infatti ricevuto il Diploma di Benemerenza dalla Figc. A lui sono andate le congratulazioni da parte di tutti i componenti dell'associazione: ragazzi, consiglieri, allenatori e volontari. Applausi anche da parte di Angelo Fontana, responsabile dell'Area sociale della Polisportiva, e da parte delle autorità e di altre associazioni con le quali il team di Caroli collabora promuovendo numerosi iniziative di carattere sportivo e aggregativo.

Il premio è stato consegnato nei giorni scorsi a Roma. Alla Presenza del Presidente Figc Gabriele Gravina, del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia, del presidente del Settore giovanile e scolastico Vito Tisci e di Giancarlo Abete, ex presidente Figc, in una sala gremita dell’Hotel Holiday Inn Parco De’ Medici, sono state attribuite le benemerenza sportive della Lega Nazionale Dilettanti e del Settore Giovanile e Scolastico a 51 Società sportive di tutta Italia.Il premio viene attribuito per la pluriennale attività di società e dirigenti. I Diplomi vengono assegnati su proposta dei Comitati regionali e della Commissione benemerenze.

Calcio giovanile: in 700 in campo con la Polisportiva Monte Marenzo ricordando Cannavò

Tra i premiati il presidente della Polisportiva per i 20 anni di attività. «Lo ritiro a nome di tutti coloro che lavorano volontariamente nella Polisportiva e nei suoi vari settori - ha commentato felice Renato Caroli - Da 4 anni abbiamo aperto al calcio femminile con le bambine. A maggio si affrontano in un torneo che vede anche le giovanili di squadre come Inter e Atalanta sfidarsi sullo sfondo dei monti intorno a Lecco. Lo sport è scuola di vita, i maestri siamo tutti noi con la nostra esperienza e l’esempio, con il tempo dedicato loro e alla struttura perché sia sempre un luogo sicuro e accogliente per i ragazzi, le loro famiglie e il pubblico che partecipa sempre numeroso. Inoltre lo sport è un potente mezzo di inclusione, fondamentale in una società multietnica come quella di oggi. Aiuta a capire le varie culture e ad abbattere ogni tipo di paura: dalla più piccola a quelle più corpose».

A Monte Marenzo tutti pazzi per il floorball

Il presidente Figc Gabriele Gravina ringrazia la LND e ricorda che «Questa è una delle manifestazioni più sentite nel mondo del calcio. Le benemerenze rappresentano l’onore e la capacità della classe dirigente più vera e viva. È una festa che sottolinea il senso e il significato di tanti anni di attività messi a disposizione di un mondo. Qui affondano le radici del calcio, qui si basa il futuro. C’è un particolare interesse per quelle persone che hanno più volte rivendicato un modo diverso di intendere il calcio. Un nuovo umanesimo, un rinascimento, si stanno concretizzando per dare al gioco più bello del mondo una nuova fisionomia e mettere a disposizione della comunità una passione, un patrimonio umano. Per questo occorre alimentare nuove radici e lavorare insieme».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento