menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il podio della gara maschile

Il podio della gara maschile

Prima edizione del Duathlon Sprint di Barzanò, la doppietta del Team 707

Gregory Barnaby e Giorgia Priarone si aggiudicano la vittoria. Podio maschile completato da Nicolò Strada e Davide Ingrillì, il femminile da Asia Mercatelli e Chiara Cavalli

Con 285 arrivati nella gara maschile e 64 in quella femminile, la prima edizione del Duathlon Sprint di Barzanò va in archivio registrando un successo enorme, anche superiore a quello previsto considerando le difficoltà nell'organizzazione di manifestazioni sportive di massa in questo periodo. La gara disegnata nei dintorni del lago lecchese ha richiamato molti concorrenti anche da altre regioni, grazie al fatto di essere prova del Circuito Nazionale Duathlon della Fitri.

La gara era articolata su 5 km di corsa a piedi, una frazione di 2 km in bici e altri 2,5 km podistici. Nella prima parte Gregory Barnaby (707 Team) è stato il migliore cambiando con soli 2" su Dario Chitti (Cus Parma). Nella parte ciclistica, Barnaby ha allungato, contenendo il ritorno di Matteo Fontana (Cus Pro Patria Milano), il migliore sui pedali cronometro alla mano, poi nella frazione finale ha amministrato la situazione chiudendo vittorioso in 54'28" con 23" su Nicolò Strada e 25" su Davide Ingrillì, coppia della Raschiani Triathlon. Quarto Fontana a 57", quindi Chitti a 1'12".

Calcio, Serie C: uno scatenato Lecco cala il poker alla Juventus Under 23

Più regolare la prova femminile, nel senso che la vittoria di Giorgia Priarone non è mai stata in dubbio. La portacolori del 707 Team, appena rientrata da uno stage di allenamento a Tenerife, ha fatto registrare il miglior tempo in tutte e tre le frazioni, con un crono finale di 1h03'57", alle sue spalle Asia Mercatelli (Raschiani Triathlon) a 1’'39" e Chiara Cavalli (Cus Parma) a 2'32".

La gestione della gara si è rivelata estremamente sicura, nel pieno rispetto dei protocolli sanitari vigenti. Il suo successo è dovuto non solo alla sapienza organizzativa dello Spartacus Triathlon Lecco, ma anche alla piena collaborazione delle autorità comunali di Barzanò e Monticello Brianza, toccate dal tracciato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento