menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abbadia, 60 imbarcazioni per la "Remada" dei 30 anni

Successo per la tradizionale kermesse a remi sul lago, che ha portato quasi cento persone in acqua e migliaia sulla spiaggia.

Un grande successo di pubblico e di partecipazione, con un clima meraviglioso come sfondo, per una tradizione che prosegue da trent'anni.

La Remada, manifestazione non competitiva aperta a ogni tipo di imbarcazione a remo, organizzata dal Centro sport Abbadia Lariana, ha visto darsi battaglia, all'insegna dello spirito di amicizia che da sempre contraddistingue l'evento, 60 imbarcazioni, per un totale di 94 partecipanti.

A tagliare il traguardo prima di tutti, di fronte a una spiaggia gremita di bagnanti come ogni domenica al Parco Ulisse Guzzi, il K4 della Canottieri Lecco, davanti a un quattro di coppia bluceleste e un armo della Canottieri Moto Guzzi, il quattro di coppia. Ma se questi sono stati i più veloci, ed era prevedibile, a ricevere i premi sono stati altri.

Li riportiamo nell'ordine. Partecipante più giovane: Sofia Scalmani, del 2011; meno giovane Walter Trincavelli, classe 1946. Premio al gruppo più numeroso alla Canottieri Moto Guzzi, secondo l'Oggiono Kayak Team. Imbarcazione più caratteristica "Inglesina 1937" di Dario Mainetti.

Il Centro sport, presieduto da Luca Donato, ha espresso grande soddisfazione per la riuscita della manifestazione, ringraziando i volontari, il Soccorso degli Alpini e il gruppo Sub Cpas di Pescate per la collaborazione. Per l'occasione, oltre alla tradizionale maglietta dell'edizione, è stata stampata una maglia celebrativa dei 30 anni, in edizione limitata, disponibile su ordinazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento