Sport

Milano, è morto il cardinale Dionigi Tettamanzi

Era ricoverato da tempo

E' spirato questa mattina intorno alle ore 11 Dionigi Tettamanzi, ex arcivescovo di Milano. 83 anni, nativo di Renate (MB), da tempo era ricoverato all'ospedale "San Raffaele", sito nel capoluogo della Regione, e aveva subito svariate operazioni; negli ultimi tempi le sue condizioni erano notevolmente peggiorate, fino al triste epilogo di questa mattina.

Dionigi Tettamanzi era soprannominato il "Vescovo degli ultimi", vista la sua predilezione per i gesti compiuti in favore dei più deboli. Recentemente (2015) era stato in visita anche presso la Casa di Riposo "Airoldi e Muzzi" di Germanedo.

"Sono anch'io partecipe, con commossa gratitudine per quanto ha donato alla comunità della Diocesi Ambrosiana, della scomparsa del Card. Dionigi Tettamanzi, a cui molti lecchesi sono stati legati per rapporti istituzionali o di profonda amicizia. Fra questi vorrei ricordare con affetto Vittorio Proserpio, che provenendo anch'egli da Renate e essendo amico di famiglia, alle diverse manifestazioni, lo salutava come don Dionigi. 

Occorre essere grati al Card. Tettamanzi anche per essere stato "l'Arcivescovo degli ultimi": molti hanno ricordato in queste ore come alla sua entrata in Duomo abbia evidenziato come "I diritti dei deboli non sono diritti deboli" e sottolineato pure l'istituzione del Fondo Famiglia lavoro all'inizio della crisi economica. 

Proprio su questi temi era nato un forte legame anche con l'Associazione Genitori e Amici degli Handicappati di Valmadrera di cui, tra l'altro, aveva voluto inaugurare nel 2003 la prima pietra del Progetto Oltre Noi per disabili adulti con famiglie in difficoltà durante la mia esperienza di Sindaco."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, è morto il cardinale Dionigi Tettamanzi

LeccoToday è in caricamento