Sport

Naufrago, senza cibo, epico: Noseda ha domato l'Atlantico

Il velista di Mandello ha concluso la traversata oceanica a bordo di una Star, schiantandosi sugli scogli a Santa Lucia, Caraibi. «Ma sono vivo».

Una storia degna di un romanzo. Dall'inizio, la partenza da Tenerife su una Star per attraversare l'Oceano Atlantico, all'arrivo a Santa Lucia, sotto Martinica, con naufragio finale. Dario Noseda ce l'ha fatta. Ha portato a termine la sua folle avventura.

Senza cibo negli ultimi due giorni, con il mare in tempesta e la sua "Pa2sh" distrutta sugli scogli. L’epilogo è andato in scena nella notte italiana tra lunedì e martedì. L’entourage che segue la sua Star “Pa2sh” - con la moglie Silvia - ha ricevuto la telefonata del coraggioso velista mandellese che avvertiva di inviare il Soccorso marittimo poiché in gravi condizioni di pericolo. La guardia costiera di Santa Lucia (isola a sud di Martinica, diventata via via la nuova meta finale al posto di Nassau, Bahamas), recuperate le coordinate, si è alzata subito in volo con un elicottero per recuperarlo.

Nelle due ore necessarie per arrivare a destinazione non è mancata la paura, causa silenzio da parte di Noseda, ma poi una successiva telefonata ha rassicurato gli animi. «Sono io, sono io, sono vivo! Sono naufragato, ho camminato per non so quanto ed ora sono qui alla marina di Rodney Bay, ho avvisato personalmente la capitaneria», ha detto Dario. Il velista non camminava da quaranta giorni ma si è fatto subito una “passeggiata” di 4,5 chilometri… L’avventura di Noseda si è così conclusa, non senza colpi di scena, ma attraversare l’Oceano Atlantico su una Star, come avevamo scritto a novembre alla sua partenza, non è certo uno scherzo. Il mandellese ha percorso, da Tenerife a Santa Lucia, ai Caraibi, circa 2.600 miglia nautiche, diventando il primo a realizzare la traversata su un’imbarcazione così piccola.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Naufrago, senza cibo, epico: Noseda ha domato l'Atlantico

LeccoToday è in caricamento