Crolla pianta secolare all'Orrido di Bellano: il video

Nessun ferito e nessuna chiusura, ma si sono registrati danni al muro di cinta e alla passerella. Le immagini sono state postate dal sindaco Rusconi che su FB ha fatto il punto della situazione

 

Una grossa pianta secolare è crollata ieri sera all'Orrido di Bellano. Per fortuna non ci sono stati feriti, ma si sono registrati danni al muro di cinta e alla passerella sottostante.

Bellezza naturali e suggestioni: l'Orrido di Bellano piace sempre più. Nel 2019 record di visitatori

Il video della caduta (ripreso dalle telecamere di sicurezza) che qui vi proponiamo è stato postato su Facebook dal sindaco di Bellano Antonio Rusconi che ha raccontato l'accaduto facendo il punto della situazione e confermando che il suggestivo scorcio naturalistico bellanese, un vero e proprio museo naturale raggiunto da un numero record di visitatori, resterà comunque aperto. Avviate intanto tutte le verifiche del caso per il ripristino e la sicurezza.

Questo video mostra quel che è successo ieri sera all’Orrido di Bellano.

Un grosso platano si è schiantato nella gola dell’Orrido.

Una pianta secolare, cresciuta in un luogo impervio senza possibilità di avere un apparato radicale commisurato alle sue dimensioni e peso.

Cadendo ha danneggiato il muro di cinta e parte della passerella.

Fortunatamente nessun danno a persone.

L’Orrido rimarrà aperto, fino al tratto in completa sicurezza, tecnici subito al lavoro per ripristinare il prima possibile quanto danneggiato. Siamo in attesa della relazione di un agronomo per la valutazione dello stato di altre piante.

Il sindaco di Bellano Antonio Rusconi

Potrebbe Interessarti

  • Piogge torrenziali, frane, straripamenti: nuova emergenza in Valsassina

  • "Meno Clooney, più Oliveto": così il rap di Mirko promuove il territorio

  • «Visitate la Valsassina, una meraviglia»: il video-selfie del comico Franz

  • Valsassina, proseguono i lavori per il ripristino della strada: in azione pompieri, alpini e protezione civile

Torna su
LeccoToday è in caricamento